ACP > Editoria > Quaderni ACP > Narrative Medicine > Appendicite? Facciamo una ecografia?
Quaderni acp - 2004; 11(2): 90-91
quaderni acp
Quaderni acp 2004_11(2)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Appendicite? Facciamo una ecografia?

Pediatra di base, ACP Milano e Provincia; Pediatra di base, ACP Verona

Is it appendicitis? Should we require an ultrasonography?
In this scenario an abdominal pain is investigated; an ultrasonography is prescribed
with the intent to exclude an appendicitis. The expert consulted doesn’t recur to
recent literature based on evidence, but refers just to his clinical judgment based on
experience. A retrospective study which doesn’t give conclusive data regarding the
advantage of ultrasonography in making a case selection and thus reducing hospital
admission, is found through a research in PubMed , using the three part question scheme. With particular attention to the relationship between Paola and her mother, the paediatrician reviews her clinical course of investigation. The aim is to arrive at a
sensible and shared proposition in line with the paediatrician’s firm beliefs, considering that the alternative would be a non evidenced based prescription.

Viene esaminato in questo scenario un dolore addominale da inquadrare, con una
richiesta di ecografia per escludere un’appendicite. L’esperto consultato fa riferimento solo alla propria esperienza personale, senza accenni alla letteratura disponibile sull’argomento. La ricerca su PubMed, condotta secondo lo schema della domanda in tre parti, permette di reperire uno studio retrospettivo che non fornisce però dati conclusivi sul vantaggio aggiuntivo che l’ecografia sembra offrire nella selezione dei casi da sottoporre a ricovero ospedaliero. La pediatra dunque rivede il percorso diagnostico attenta al piano della relazione con Paola e la sua mamma: accogliendone la preoccupazione e i dubbi e analizzando insieme quanto è possibile fare in base alle evidenze in suo possesso, utilizza la sua competenza comunicativa per arrivare a una proposta praticabile, perché condivisa, e comunque in linea con le proprie convinzioni rispetto a una prescrizione non supportata da dati conclusivi.

Narrative Medicine
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?