ACP > Editoria > Quaderni ACP > Aggiornamento Avanzato > Imparare a leggere: i meccanismi psicofisiologici
Quaderni acp - 2004; 11(5): 212-215
quaderni acp
Quaderni acp 2004_11(5)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Imparare a leggere: i meccanismi psicofisiologici

Unità Operativa di Neuropsichiatria per l’Infanzia e l’Adolescenza, A.O. “G. Salvini”, Ospedale di Rho, Milano; Dipartimento di Bioingegneria, Politecnico di Milano

Learning to read: the psychophysiological mechanisms
Dyslexya isn’t a simple perceptive deficit but a more complex one linked to the malfunctioning of high cognitive functions. An early diagnosis is necessary in order to recover a good reading ability and good social relations. The author analyses the various interpretative hypothesis regarding this heterogeneous disease which involves different neuronal and functional circuits. Basically two main theoretical models are described, both focalizing the attention to the neurophysiological damage (thanks to the new diagnostic imaging techniques) and to the macroscopic anatomical damage of specific areas of the brain. The role of neuropsychology is enhanced through the study of the brain’s electrical and muscular reactions following reading aloud visible alphabet letters.

La dislessia non è un semplice deficit percettivo ma un disturbo più complesso, legato al malfunzionamento di funzioni cognitive elevate. Individuarle il più precocemente possibile consente un adeguato recupero dell’abilità di lettura e un buon inserimento sociale. L’autore prende in analisi le varie ipotesi interpretative di questa patologia che non è compatta e omogenea ma eterogenea, e che coinvolge diversi circuiti neuronali e funzionali. Vengono descritti i due modelli teorici principali che focalizzano l’attenzione sia sulle alterazioni neurofisiologiche sia (grazie alle nuove tecniche di imaging) su alterazioni di tipo macroscopico dell’anatomia di alcune aree cerebrali. Viene anche evidenziato il ruolo della neuropsicologia nello studio delle risposte elettriche cerebrali e muscolari in seguito a stimolazione ottenuta con la lettura ad alta voce di lettere dell’alfabeto presentate visivamente.

 

Aggiornamento Avanzato
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?