ACP > Editoria > Quaderni ACP > Leggere e fare > La profilassi delle infezioni da VRS con Palivizumab: le evidenze
Quaderni acp - 2004; 11(6): 262-265
quaderni acp
Quaderni acp 2004_11(6)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

La profilassi delle infezioni da VRS con Palivizumab: le evidenze

Neonatologo, Roma

Prophylaxis of respiratory syncytial virus infections (VRS) with Palivizumab: evidences
Many scientific societies like AAP in the USA and SIN in Italy propose the use of palivizumab for the prophylaxis of VRS infections in high risk newborns. Recommendations for very small for gestational age and DBP (Bronchopulmonary dysplasia) newborn are based on one RCT study where Palivizumab halved hospitalisation. However in this study the principle of researcher’s complete independence was not respected. In our country these recommendations have been recently reviewed and extended without the proper consideration that the original study’s analysis should have stimulated. In this article a brief history of Palivizumab is presented and a critical reading of the research’s results applied to an infant population suggested, with particular regards to subjects with risks.

Il Palivizumab viene proposto da molte società scientifiche, tra cui l’AAP negli USA e la SIN in Italia, per la profilassi delle infezioni respiratorie da VRS nei neonati a rischio. Per i neonati di età gestazionale molto bassa e per quelli affetti da displasia broncopolmonare le raccomandazioni si basano sui risultati di un unico RCT in cui l’uso del farmaco si associava al dimezzamento della probabilità di ricovero per questa patologia. In questo studio, tuttavia, il principio di indipendenza dei ricercatori non sembra essere stato completamente rispettato. Nel nostro Paese le raccomandazioni sono state recentemente riviste e rese più “estensive” senza le riflessioni che lo studio originale avrebbe dovuto stimolare. In questo articolo viene presentata una breve storia del Palivizumab e viene suggerita una lettura critica dei risultati della ricerca clinica applicati alla popolazione infantile, in particolare ai soggetti a rischio.

Leggere e fare
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?