ACP > Editoria > Quaderni ACP > Il punto su > Vaccinare contro la varicella: una scelta non facile
Quaderni acp - 2004; 11(3): 140-141
quaderni acp
Quaderni acp 2004_11(3)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Vaccinare contro la varicella: una scelta non facile

Responsabile prevenzione vaccinale ACP

To vaccinate against varicella: not an easy choice
The article defines the situation regarding chickenpox vaccination. There are at the moment 2 vaccines, both live and attenuated, derived from Oka type (in Italy Varilix and Varivax). One dose up to twelve years of age and 2 doses afterwards are the recommended dosages. They show a good efficacy. Adverse reactions in vaccinated subject are a vesicular rash. Contraindications are: immunosuppression and corticosteroid or immunoglobuline therapies. Living with a pregnant women is not a contraindication for vaccination. Indications regard mainly the protection of women in a reproductive age. The policy to extend vaccination in the 2 year of life is not shared, especially when a mass vaccination, covering more then 85% is not possible. The supposition regarding an increase of adult’s Herpes zoster in vaccinated populations, due to a reduced virus circulation, remains object of discussion.

L’articolo fa il punto sulla vaccinazione contro la varicella. Sono disponibili 2 vaccini, entrambi vivi ed attenuati derivanti dal ceppo Oka (in Italia Varilrix e Varivax). Il dosaggio consigliato è di una dose fino a 12 anni e di due dosi successivamente. L’efficacia è buona. Gli eventi avversi nei vaccinati sono un rash vescicolare. Le controindicazioni sono una immunodepressione, le terapie con steroidi o con immunoglobuline. Non è una controindicazione la convivenza con una donna gravida. Le indicazioni sono la necessità di proteggere le persone ad alto rischio specie le donne in età fertile. Non è condivisa la vaccinazione universale nel secondo anno specie se non si è certi di raggiungere una copertura superiore all’85%. È ancora discussa l’ipotesi di un aumento dell’Herpes Zoster negli adulti in popolazioni vaccinate per la ridotta circolazione del virus.

Il punto su
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?