ACP > Gruppi di Lavoro > Prevenzione Malattie Infettive > Aggiornamento aviaria 14 gennaio 2006
14 Gen 2006
stampa

Aggiornamento aviaria 14 gennaio 2006

I casi umani di influenza aviaria H5N1 segnalati all’OMS al 14 gennaio 2006, sono 149 e 79 di questi sono morti. Dall’inizio del nuovo anno, il virus aviario è stato riscontrato in Turchia. Risultano 11 i focolai nel pollame (anche un solo uccello con H5N1 confermato è considerato focolaio) e i casi umani con infezione da H5N1 confermata, sarebbero 18 di cui 3 sono deceduti. Sembra si tratti di focolai isolati, per lo più in ambito familiare, che coinvolgono quasi sempre bambini, spesso fratelli. Non vi sono attualmente prove di trasmissione uomo-uomo. L’infezione riguarderebbe persone che sono state a contatto con pollame infetto. Il numero dei ricoverati con sintomi sospetti non confermati, sarebbero però più numerosi. Sul sito di Recombinomics si può trovare una descrizione dettagliata e continuamente aggiornata della situazione.
La Commissione europea si è riunita a Lussemburgo il 12 gennaio con i responsabili del sistema di allerta degli Stati membri, per discutere della situazione epidemiologica e sullo stato di preparazione degli Stati a una pandemia.
Nella stessa data è iniziata a Tokyo una conferenza internazionale di due giorni per fare il punto sulle misure da adottare in caso di pandemia. Tra i provvedimenti, oltre alla somministrazione su larga scala degli antivirali alla popolazione (ma sappiamo che l’efficacia è incerta), si propongono la quarantena e misure di “distanziamento sociale”.
I documenti sono scaricabili dal sito di Epicentro che rimanda anche al CDC europeo.