ACP > InformACP > Il Blog ACP > Convenzione sui diritti delle persone con disabilità
06 Ago 2007
stampa

Convenzione sui diritti delle persone con disabilità

Il 30 marzo 2007 a New York c’è stata la firma della Convezione sui diritti della persone con disabilità. Il Segretario Generale ONU ha così aperto i lavori: “650 milioni di uomini, donne e bambini nel mondo sono portatori di disabilità. Il numero reale è probabilmente più elevato in quanto chiunque può in un momento della sua vita incorrere in una disabilità.
Tutti gli esseri umani quindi dovrebbero celebrare questo giorno in cui si firma la Convenzione per i diritti delle persone con disabilità”. La finalità è il miglioramento della vita di 650 milioni di persone che nel mondo sono disabili. 44 Paesi hanno firmato il Protocollo opzionale della Convenzione, che dà a ogni individuo la possibilità di ricorrere a un comitato di esperti di diritti delle persone con disabilità quando tutte le opzioni previste sono esaurite. La Convenzione rende
illegali tutte le discriminazioni nei confronti delle persone disabili in qualsiasi aspetto della loro vita, dal lavoro all’educazione, ai servizi sanitari, al trasporto, all’accesso, alla giustizia. Richiede inoltre che tutti gli spazi pubblici e costruzioni siano accessibili a persone con disabilità e richiama fortemente al miglioramento delle infrastrutture della informazione e comunicazione. La Jamaica è stata la prima nazione a trasformarla in legge di stato. Yannis Vardakastanis, del Comitato internazionale sulla disabilità ha citato il poeta tedesco Bertolt Brecht: “Alcuni vivono nel buio / mentre altri vivono alla luce / noi vediamo solo coloro che vivono alla luce / gli altri sono fuori dalla nostra visione”. Questa è una Convenzione per portare alla luce del sole coloro che vivono nel buio.
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?