ACP > InformACP > Il Blog ACP > Lo Stato di Kano contro Pfizer
06 Ago 2007
stampa

Lo Stato di Kano contro Pfizer

1996. Kano (Nigeria): un’epidemia di meningite, colera e morbillo provoca centinaia di morti soprattutto tra i bambini. L’OMS interviene con un programma di emergenza, cui la Pfizer offre appoggio, cogliendo l’occasione per sperimentare un nuovo antibiotico: il Trovan (trovafloxacina).
Il risultato: 18 bambini morti e 182 colpiti da danni irreversibili (malformazioni, cecità, paralisi).
2007. Lo Stato di Kano presenta ricorso chiedendo un risarcimento di 2,7 miliardi di dollari; il processo è fissato per il 4 giugno. L’accusa: Pfizer ha usato l’intervento umanitario come copertura per la sua sperimentazione sul Trovan, col risultato che i nigeriani, nel timore di essere utilizzati ancora come cavie, hanno boicottato le campagne vaccinali promosse dalla OMS in Nigeria, dove è quindi ricomparsa la poliomielite. La difesa: lo studio è stato condotto in maniera ineccepibile, ha salvato oltre 200 bambini colpiti da meningite meningococcica, il governo nigeriano ne era informato e il farmaco era già stato somministrato a 5000 pazienti. La FDA, il 9 giugno 1999, ne ha ristretto l’uso solo a pazienti in condizioni di particolare gravità per la sua tossicità epatica. Non info Quaderni acp 2007; 14(4) sarà facile stabilire la verità a più di 10 anni di distanza.
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?