ACP > InformACP > Il Blog ACP > Gara per l’antinfluenzale: risparmiati 300 mila euro in campania
03 Set 2007
stampa

Gara per l’antinfluenzale: risparmiati 300 mila euro in campania

La prima gara svolta da Soresa, per l’acquisto del vaccino antinfluenzale, necessario per la campagna vaccinale 2007/2008 delle Asl della Regione Campania, ha prodotto un risultato positivo, stando ai dati dell’aggiudicazione provvisoria. Lo fa sapere una nota di Palazzo Santa Lucia, che quantifica il risparmio totale sul costo d’acquisto in 255 mila euro, mentre complessivamente la procedura centralizzata ha comportato risparmi superiori a 300 mila euro.
La centralizzazione degli acquisti paga, almeno per i vaccini. Infatti, a fronte di un mercato della fornitura che esprime prezzi costantemente in crescita, si sarebbe ottenuto con la prima gara svolta da Soresa un risparmio del 5 per cento sui prezzi d’acquisto dello scorso anno. Un risultato emerge confrontando il valore dell’acquisto dello scorso anno, dato dalla sommatoria degli acquisti delle 13 Asl, con il valore dell’acquisto complessivo delle stesse quantità, ai prezzi della nuova aggiudicazione. Il risparmio totale sul costo d’acquisto si quantifica in 255 mila euro circa. Oltre al risultato in termini di riduzione dei prezzi unitari, secondo Palazzo Santa Lucia, deve essere considerato il risparmio che è stato realizzato in termini di costi della procedura. Tenuto conto che è stata svolta un’unica gara, anziché 13 diverse procedure, quante sono le Asl, si è ottenuto un risparmio di costi di pubblicazione pari a 50mila euro circa. Complessivamente la procedura centralizzata ha comportato – volendo sommare risparmi derivati dalla riduzione dei prezzi unitari, e dai “costi evitati”, risparmi superiori a 300mila euro euro. La Spa regionale non si ferma qui. “Entro la fine dell’anno – aveva annunciato al Denaro il manager Franco Tancredi – acquisteremo farmaci per un valore stimato annuo di 463 milioni di euro, guanti monouso per 3,6 milioni, siringhe sterili per 3,8 milioni, materiale di medicazione per 8,1 milioni e pannoloni per 15,5 milioni, reagenti di laboratorio per 85,2 milioni.
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?