ACP > InformACP > Il Blog ACP > Pubblicità trasparente
16 Feb 2008
stampa

Pubblicità trasparente

Il Parlamento Europeo ha emanato un regolamento (1924/2006) secondo il quale sarà vietato alle industrie di pubblicizzare i loro prodotti “bluffando” sulla efficacia del contenuto.
Qualche esempio: Patatine fritte S. Carlo “con vitamine”; Nesquick plus “con vitamine e calcio”; Galak “con calcio e fosforo”; Coco pops “ vitamine e ferro”; Zucchero “con fibra prebiotica”; Caramelle “senza grassi”. È evidente che la pubblicità è stata studiata ad arte dagli esperti di marketing per attribuire al prodotto caratteristiche di “nutrienti” che vanno al di là della caratteristica del prodotto.
Quando sarà presentato il regolamento, per ognuna delle aggiunte dovrà essere presentata una prova scientifica“generalmente accettata”. (Altroconsumo/Salutest 2007).
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?