ACP > Editoria > Quaderni ACP > Il caso che insegna > Cefalea persistente e vomito ripetuto in una bambina obesa
Quaderni acp - 2008; 15(5): 207-209
quaderni acp
Quaderni acp 2008_15(5)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Cefalea persistente e vomito ripetuto in una bambina obesa

Struttura Complessa di Pediatria e Patologia Neonatale, Ospedale S. Paolo, Napoli

Persistent headache and vomitig in an obese child 

A 10 yeard old girl with persistent headache, recurrent vomit and lumbar pain in the last month. At hospital admission she shows esotropia and diplopia. In order to exclude intracranial hypertension a referral to an eye specialists shows papilledema and peri capillary hemorrhages. A brain tomography is normal. The girl is then referred to a paediatric neurosurgery ward for a brain magnetic resonance imaging (MRI) and an angiography magnetic resonance. The MRI is normal while the angio MRI shows a bilateral obstruction of cranial transverse sinuses. A spinal puncture shows an increased opening fluid pressure (65 mmHg as normal values < 15 mmHg). After withdrawing about 90 ml of clear fluid the pressure returnes to normal values. The cytological analysis are normal as fluid microbiological culture. The final diagnosis is of idiopathic intracranial hypertension or pseudotumor cerebri, a rare conditions affecting mainly adolescent girls and young obese women. After 5 days the girl leaves the hospital and at the 3 month follow up she is fine. È descritto il caso di una bambina di 10 anni che presentava cefalea persistente e vomito ripetuto da circa un mese, associato a rachialgie lombari. Al ricovero si nota exotropia a destra e la bambina riferisce da qualche tempo diplopia. Nel sospetto di un’ipertensione intracranica da massa occupante spazio sono effettuate una visita oculistica che mette in evidenza un edema papillare con emorragie pericapillari e una TC cerebrale che risulta nella norma. La bambina è trasferita in una Unità di Neurochirurgia pediatrica dove è sottoposta a una RMN cerebrale che non mostra alterazioni di sorta, mentre una angio-RMN mette in evidenza un’ostruzione bilaterale dei seni trasversi La bambina è sottoposta a una rachicentesi in sedazione profonda previa misurazione manometrica della pressione liquorale. In decubito laterale la pressione di apertura risulta di 65 mmHg (VN <15 mmHg). Dopo evacuazione di 90 ml di liquor limpido la pressione torna al valore normale di 12 mmHg. L’esame citochimico è nella norma così come sterili risulteranno le colture del liquor. La diagnosi definitiva è, pertanto, di ipertensione intracranica idiopatica pediatrica o pseudotumor cerebri. La piccola viene dimessa dopo cinque giorni e il follow up a tre mesi risulta nella norma. È discussa la diagnostica differenziale di tale rara condizione della quale non si conosce ancora l’eziopatogenesi, se non che si manifesta con elevata incidenza in adolescenti femmine e giovani donne obese.

Il caso che insegna
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?