ACP > Editoria > Quaderni ACP > Diagnostica immunoenzimatica della mononucleosi infettiva con test rapido
Quaderni acp - 2008; 15(2): 56-58
quaderni acp
Quaderni acp 2008_15(2)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Diagnostica immunoenzimatica della mononucleosi infettiva con test rapido

Dipartimento di Medicina di Laboratorio, IRCCS Burlo Garofolo, Trieste

Infectious mononucleosis: immunoenzymatic diagnosis with rapid test
Objective To establish if the determination of specific antigens against Epstein-Barr virus (EBV), by the commercial immunoenzymatic tests (VCA), may be a useful diagnostic and prognostic tool with a higher sensibility and specificity in respect to rapid diagnostic methods with heterophylous antibodies (MNI) is the aim of this paper.

Methods 163 serum samples of paediatric patients, subdivided in eight groups have been studied.

Results This method has a good specificity (92.6% in the first group and 84.8% in the second group) in patients without or with a past history of EBV infection (positive attended value). While the sensibility is only of 61.8%. in patients with active disease (the third group). 

Discussion VCA tests should be used in case of a doubtful diagnosis or for a latent or in evolution disease.

Obiettivi Evidenziare quanto la determinazione delle immunoglobuline contro specifici antigeni del virus di Epstein-Barr (EBV), mediante i comuni test immunoenzimatici del commercio (VCA) possa essere utilizzata per focalizzare diagnosi e decorso della malattia con maggiore sensibilità e specificità rispetto ai metodi di ricerca rapida di anticorpi eterofili (MNI).

Metodi Sono stati studiati 163 sieri di pazienti pediatrici, divisi in 8 gruppi.

Risultati Il test MNI nei pazienti senza storia di infezione o con infezione EBV pregressa (valore atteso positivo) conferma come tale metodo abbia una buona specificità (92,6% nel primo gruppo e 84,8% nel secondo); nel gruppo tre (pazienti con infezione in atto) la sensibilità è solamente del 61,8%. 

Conclusione Gli Autori concludono che si deve suggerire che ai test rapidi vengano associati in casi dubbi o di malattia latente o in evoluzione test immunoenzimatici per approfondire diagnosi e stato immunitario.

Quaderni ACP
Research Letter

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?