ACP > Editoria > Quaderni ACP > Impianti di incenerimento e salute umanaa
Quaderni acp - 2008; 15(5): 196-199
quaderni acp
Quaderni acp 2008_15(5)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Impianti di incenerimento e salute umanaa

Pediatra di famiglia, ACP Trinacri

Waste Incinerator plants and human health 

Scientific knowledge regarding the effects of solid waste incinerator plants on the health of a population living nearby is revised. These effects due to both inhalation of combustion products and to the use of contaminated water and food are described in epidemiological studies referring to old incinerator plants during the 1970’s and 1980’s. The main problem studied at the time regarded cancer. A recente WHO report concludes by saying that at the moment there are no reasonable evidences or conclusion which can be used by policy makers. Many questions are still open, as the role of ultrafine particulate and of persistent polluting substances. A new generation of scientific studies, based on biomarkers could give more accurate answers both to exposed populations and doctors.

Vengono riviste le attuali conoscenze scientifiche sugli effetti sulla salute delle popolazioni residenti nelle vicinanze di impianti di incenerimento. Tali effetti, dovuti alla inalazione di inquinanti prodotti nei processi di combustione e al consumo di acqua e cibo contaminato, sono descritti in studi epidemiologici riferibili per lo più a impianti di vecchia generazione, attivi negli anni ’70 e ’80. L’esito sanitario maggiormente studiato è stato il rischio di cancro. Pur ammettendo l’esistenza di una ragionevole evidenza di effetti avversi per la salute causati dai vecchi impianti, un recente rapporto del WHO conclude che tale evidenza è inadeguata a trarre conclusioni che possano essere utilizzate dai decisori politici. Molti interrogativi restano aperti, come il ruolo del particolato ultrafine e degli inquinanti persistenti. Una nuova generazione di studi, basati sui biomarcatori di esposizione, potrebbe sopperire alla inadeguatezza degli studi epidemiologici e dare risposte alle preoccupazioni delle popolazioni esposte e dei medici

Quaderni ACP
Salute Pubblica

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?