ACP > Editoria > Quaderni ACP > Proposte > Può esistere una sindrome di Munchausen by doctors? O si tratta di una provocazione?
Quaderni acp - 2008; 15(5): 2013-215
quaderni acp
Quaderni acp 2008_15(5)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Può esistere una sindrome di Munchausen by doctors? O si tratta di una provocazione?

UO di Pediatria, Ospedale di Agnone (IS)

Does Munchausen syndrome by doctors exists? Or maybe it’s just a provocation?
In clinical practice a great quantity of laboratory exams, hospital admissions and high cost and often harmful medical interventions are due to health operators’ choices. As in the Munchausen by proxy syndrome (MBP) children could undergo a great number of routine interventions which are scientifically baseless but largely practiced. Is it possible to identify a sort of Munchausen by proxy syndrome or are they just fruit of medical errors or malpractice? Potential examples of MBD are ADHD, the over diagnosis of GER, the invasive follow up of urinary tract infections, inappropriate hospital admissions, the high incidence of cesarean sections and routine episiotomy.

Nella pratica clinica una grandissima quantità di indagini, ricoveri e interventi inutili, dispendiosi e potenzialmente dannosi è dovuta a scelte degli operatori sanitari. Come nella sindrome di Munchausen by proxy (MBP) i bambini possono essere sottoposti a un gran numero di routine e pratiche diffuse e consolidate, scientificamente infondate ma largamente praticate. È possibile individuare un’entità nosologica definibile come una sorta di sindrome di Munchausen by doctors (MBD) o si tratta solo di errori medici o di malpractice? Sono potenziali esempi di MBD l’ADHD, la sovradiagnosi di reflusso gastroesofageo, il follow up invasivo delle infezioni delle vie urinarie, le ospedalizzazioni improprie, l’eccesso di parti cesarei e l’episiotomia di routine. L’articolo discute in maniera forse provocatoria l’esistenza di questa “sindrome”.

Proposte
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?