ACP > InformACP > Il Blog ACP > La fiction medica: che passione!
06 Set 2008
stampa

La fiction medica: che passione!

La fiction medica è diventata un subgenere delle fiction televisive. Brendan Kelly, irlandese, ha studiato 20 fiction scelte a caso. Tutte contengono amori eterosessuali fra i protagonisti: 7 nelle cure primarie o nel Pronto Soccorso, 5 in dipartimenti di emergenza, 3 in ospedali generali e 3 in punti nascita. I medici lavorano in emergenza (6), medicina generale (6), chirurgia (5), medicina aeronautica (3), neonatologia (2), pediatria (1).
Le 11 protagoniste lavorano in medicina generale, ostetricia e ginecologia, chirurgia, anestesia, emergenza. Gli innamoramenti eterosessuali più frequenti sono fra medici (11) e fra medico e infermiera (8).
I medici sono di origine mediterranea, alti, muscolosi, brillanti. Le dottoresse e le infermiere belle, determinate a crescere professionalmente, compassionevoli.
Molte avevano dovuto o stavano superando ostacoli nella loro vita. Tutti avevano più a cuore la salute dei loro assistiti che i loro problemi personali, anche se rilevanti. Insomma le fiction trattano i loro protagonisti come se la medicina fosse un campo di romantiche possibilità.
Il rischio è che queste fiction attraggano alla medicina neofiti con vocazioni professionali ambigue! (Lancet2007;370:1483).
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?