ACP > InformACP > Il Blog ACP > La storia di Ama Sumani
15 Nov 2008
stampa

La storia di Ama Sumani

In Europa ci sono 20 milioni di migranti di cui 8 milioni senza documenti e quindi senza possibilità di assistenza in gran parte dei Paesi. Ma anche quelli con documenti rischiano. Ama Sumani, madre ghanese di due bambini, si trovava nel Regno Unito per una borsa di studio (era quindi studentessa) e si ammalò di mieloma multiplo. Fino al gennaio 2008, data di scadenza della sua Student-Visa, ha ricevuto la dialisi all’ospedale universitario di Cardiff.
Con il suo mieloma vi erano due possibilità: mantenerla in dialisi in “compassionate grounds”, visto che in Ghana non avrebbe potuto essere dializzata, o espellerla.
Fu scelta questa seconda strada.
Ama è morta nel marzo 2008 ad Accra dopo avere sperato fino all’ultimo che il governo inglese la riammettesse (The Lancet 2008;371:2213).
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?