ACP > InformACP > Il Blog ACP > Facebook vietato alle madri che allattano
14 Ago 2009
stampa

Facebook vietato alle madri che allattano

Secondo l’Academy of Breastfeeding Medicine è consigliabile che Facebook riveda la politica adottata di vietare la pubblicazione di fotografie che ritraggano madri nell’atto di allattare. Politica questa che vede nell’allattamento una funzione corporale da non espletare in pubblico. Si tratta di un concetto fuorviante ormai superato nella società odierna, teso altresì a diffondere l’idea che il latte artificiale sia il nutrimento più idoneo per il neonato e il bambino, mentre è il latte materno a dover esser considerato tale. È ormai riconosciuto dall’intera comunità medica che l’allattamento materno è biologicamente unico e appropriato per la madre e per il bambino. Nel corso della storia, l’allattamento praticato in pubblico o in privato è sempre stato visto come un aspetto sano e naturale della quotidianità. Non a caso molte opere d’ar te rinascimentale esaltano il tema del la Vergine che allatta il Bambino. Tale è l’importanza del latte materno per la salute del bambino, della madre e dell’intera società che sono oltre 44 gli Stati ad aver definito una normativa a salvaguardia del diritto di ogni madre ad allattare in pubblico. Il Surgeon General’s Blueprint for Action on Breastfeeding incoraggia “le immagini di allattamento al seno quale metodo più comune di nutrire i propri figli ovunque ci si trovi”. Ivi compreso Facebook (MAMI).
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?