ACP > InformACP > Il Blog ACP > Il piano di Obama
14 Ago 2009
stampa

Il piano di Obama

Il 17 febbraio scorso Obama ha firmato una leg ge che immette nel sistema economico 787 mld di dollari. Di questi, 150 andrà alla Sanità e di questi 87 a Medicaid, il programma che assiste i più poveri; altri 25 aiuteranno chi non è “abbastanza povero” per essere assistito da Medicaid a sottoscrivere un’assicurazione privata; altri 19 mld sono destinati alla Infomation Technology in Sanità: un vastissimo studio della J Hopkins School of Medicine in Texas ha infatti dimostrato che l’adozione di sistemi informatici migliora la qualità dei servizi, riduce del 15% i decessi e del 20% i rischi di complicazioni; 10 mld andranno al National Institute of Health aumentando la sua dotazione di 1/3. In seguito, con altri 650 milioni, sarà finanziato un programma per tentare di modificare gli stili di vita riguardo a fumo e attività fisica. Un ulteriore stanziamento andrà a coprire spese per la didattica e la formazione permanente di medici e operatori sanitari. Esiste anche un programma (1,1 mld) per studi comparativi di costo-efficacia di interventi diversi rivolti allo stesso problema clinico: interventi farmacologici, tecnologici, riabilitativi “che l’industria non finanzierebbe mai perché non è nel suo interesse” spiega R. Steinbrook del N Engl J Med. Una commissione di 15 membri guiderà il Progetto. Altri 19 miliardi saranno spesi per la digitalizzazione dei sistemi sanitari; ha stupito infatti una indagine che rileva che solo l’8% degli ospedali e il 17% degli 800.000 medici utilizzano si ste mi di registrazione elettronica (IlSole 24 ORE Sanità 2009;3-9 marzo – Lancet 2009;373:882-2 – Le Scienze 2009;3:40).
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?