ACP > InformACP > Il Blog ACP > MORE e il conflitto di interessi
14 Ago 2009
stampa

MORE e il conflitto di interessi

MORE (Mc Master Online Rating of Evidence) è un sistema di valutazione peer-review postpubblicazione ideato nel 2003 dalla Health Information Re search Unit della McMaster University (Hamilton, Ontario, Canada), per selezionare tra gli articoli regolarmente pubblicati quelli che sono più rilevanti e che offrono informazioni nuove e utili ai medici. Si avvale di schemi di valutazione online e di clinici reclutati attraverso e-mail, newsletter ed editoriali su riviste specializzate.
Per essere scelti, i medici devono essere esperti indipendenti in almeno una delle discipline interessate, devono avere un libero accesso a internet e devono essere pronti a rispondere in breve tempo (due giorni lavorativi) a una richiesta di valutazione, senza compensi. Per contribuire a garantire che tali valutazioni siano eque e indipendenti da influenze esterne, da aprile 2008, MORE ha aggiunto una dichiarazione di assenza di conflitto di interessi. Prima di valutare un articolo, al clinico viene chiesto se ha un conflitto di interessi “reale o percepito” per quell’articolo. Il link all’articolo è subito visibile, così che il valutatore, prima di iniziare, può rispondere: se la risposta è positiva, l’articolo verrà rimosso dalla sua casella di posta e gli sarà inviato un nuovo articolo, non appena disponibile. Se la risposta è negativa il valutatore potrà procedere con il solito schema di valutazione dell’articolo, per rilevanza e innovatività. Il valore aggiunto sta nell’aver sottolineato nella richiesta l’eventuale presenza di un conflitto di interessi “reale o percepito”, rispetto a un approccio ormai standard per qualsiasirevisione o parere da esprimere.
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?