ACP > InformACP > Il Blog ACP > Appello contro la pubblicità sui farmaci diretta al pubblico
18 Nov 2009
stampa

Appello contro la pubblicità sui farmaci diretta al pubblico

Il 10 dicembre 2008 la Commissione Europea (CE) ha approvato 3 proposte di legge per il settore farmaceutico. Una di queste riguarda le regole, che dovranno essere uniformi in tutta l’Unione Europea (UE), e propone di revocare il divieto di pubblicità sui farmaci da prescrizione attualmente in vigore, autorizzando l’industria farmaceutica a fornire informazioni ai cittadini sui farmaci che si possono ottenere solo con ricetta medica (l’autorizzazione alla pubblicità per i farmaci da banco esiste già). La proposta, prima di essere trasformata in direttiva, e quindi obbligatoriamente in leggi nazionali, dovrà passare al vaglio del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’Unione Europea (vedi l’articolo di Adriano Cattaneo dal sito dei Nograzie). I Bollettini sul farmaco insieme ad altre associazioni internazionali, hanno segnalato più volte alla Commissione europea il pericolo che una scelta del genere rappresenta per la salute dei cittadini europei e finora la maggior parte dei Governi si era dichiarata contraria, ma l’attuale presidenza svedese ha intenzione di rilanciare la proposta.
L’ACP, insieme ai Nograzie, ai Bollettini sul farmaco e WONCA (Global family doctor), hanno scritto al Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali e all’AIFA (Agenzia italiana del farmaco) una lettera inviata per conoscenza anche a tutti i deputati italiani al Parlamento Europeo, alla FNOMCeO e alle Associazioni di consumatori e alle agenzie di stampa, che spiega i gravi rischi della pubblicità sui farmaci diretta al pubblico e chiede che l’Italia esprima parere contrario e – se vuole proteggere la salute dei cittadini – investa risorse pubbliche adeguate per produrre informazioni imparziali ed esaustive sui farmaci e sulle malattie, affidando il compito a professionisti competenti e senza legami economici con l’industria del farmaco.


Leggi la lettera

L’Associazione Movimento Consumatori e ISDE (Medici per l’Ambiente) hanno aderito all’appello.

Vedi l’adesione del Movimento Consumatori

stampa

C' é 1 commento:

  1. Anonimo - 16 Gen 2010 1:58 PM

    I wish not acquiesce in on it. I think nice post. Particularly the appellation attracted me to read the intact story.