ACP > InformACP > Il Blog ACP > Conflitto d’interessi? Ci prova Obama
30 Nov 2009
stampa

Conflitto d’interessi? Ci prova Obama

L’Institute of Medicine (IOM) ha elaborato un progetto per il contrasto al conflitto di interessi ripreso dal NEnglJMed del 21 luglio (2009;360:2160-3). Di seguito i punti principali del documento.
– Si raccomanda attenzione al conflitto di interessi (“a set of circumstances that creates a risk that professional judgment or actions regarding a primary interest will be unduly influenced by a secondary interest“) da parte delle istituzioni mediche.
– Il Congresso USA dovrebbe elaborare un programma che obblighi le industrie a rendere pubbliche le somme versate a medici, a società professionali e di pazienti, a fondazioni connesse e providers di ECM.
– Le università e i centri di ricerca dovrebbero ridurre la partecipazione a ricerche sull’uomo di ricercatori con i suddetti conflitti di interesse.
– Il conflitto di interessi dovrebbe essere materia di studio nei curricula formativi.
– L’industria dovrebbe essere tenuta fuori dagli eventi ECM.
– Medici e società professionali, ospedali e università dovrebbero rivedere i loro rapporti con l’industria: rifiutare ogni regalo, accettare solo “payment at fair market value for a legitimate service in specified situations”, non collaborare a eventi controllati dall’industria o contenenti contributi “written by someone who is not identified as an author or who is not properly acknowledged” e non dovrebbero accettare campioni di farmaci.
– Le industrie dovrebbero rivedere i loro rapporti con i medici non offrendo regali, cene, campioni, non chiedendo di scrivere articoli come ghost writers: non dovrebbero coinvolgere i medici e i pazienti in operazioni di marketing travestiti da ricerche.
– Chi redige linee guida dovrebbe essere libero da conflitti di interesse.
– Le istituzioni che intendono elaborare linee guida dovrebbero costituire comitati liberi da conflitti.
– Il National Institute of Health dovrebbe rivedere le regole federali relative ai conflitti.
– Gli organi di sorveglianza dovrebbero fornire incentivi alle istituzioni che adottano meccanismi di controllo sui conflitti.
– I Department of Health and Human Services dovrebbero finanziare un programma per affrontare i conflitti.
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?