ACP > InformACP > Il Blog ACP > PREMI: NATI PER LEGGERE, I CINQUE VINCITORI
16 Apr 2010
stampa

PREMI: NATI PER LEGGERE, I CINQUE VINCITORI

TORINO

(ANSA) – TORINO, 15 APR – Sono cinque i vincitori della prima edizione del premio nazionale Nati per Leggere destinato ai progetti editoriali e di promozione alla lettura per bambini da zero a sei anni. La giuria ha scelto la scrittrice australiana Mem Fox e l’illustratrice inglese Helen Oxenbury per il libro ‘Dieci dita alle mani, dieci dita ai piedini’ (Il Castoro); la narratrice Beatrice Alemagna per ‘Un leone a Parigi’ (Donzelli, 2009); l’autore francese Eric Battut per l’albo in uscita a settembre ‘Lindo Porcello’ (Bohem Press Italia); l’Unità Locale Socio Sanitaria 9 di Treviso; la pediatra partenopea Lina di Maio dell’Associazione Culturale Pediatri Campania.
La cerimonia di premiazione, il 17 maggio al Salone del libro, sarà preceduta dal convegno internazionale su ‘Come la lettura sviluppa la mente’ con un’attenzione particolare alla sindrome della dislessia.
Dieci dita ai piedini è una divertente e tenera filastrocca, corredata da illustrazioni ad acquerello, che aiuta il genitore a guidare il bambino verso la scoperta del suo corpo e ad avvicinarsi ai temi della diversità e uguaglianza. Miglior libro per bambini tra 3 e 6 anni ‘Un leone a Parigi’, una storia commovente e poetica dove il leone protagonista si muove a Parigi in cerca di sogni e amicizie. Miglior progetto editoriale per bambini tra 0 e 36 mesi il libro ‘Lindo Porcello’, una storia in rima capace di stimolare nel bambino il desiderio di comunicare, diventando attore del racconto.
L’Unità Sanitaria di Treviso è stata invece premiata per aver coinvolto il personale sanitario, le biblioteche e gli assessorati alla Cultura di 37 comuni del territorio in iniziative sulla lettura. Infine la pediatra Lina di Maio si è distinta per la professionalità e la passione profuse in undici anni di impegno nella promozione della lettura ai più piccoli e in oltre vent’anni di attività svolta con i bambini di famiglie problematiche e a rischio sociale. (ANSA).

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?