ACP > Editoria > Quaderni ACP > L’infermiere di Triage nel Pronto Soccorso pediatrico
Quaderni acp - 2010; 17(4): 154-158
quaderni acp
Quaderni acp 2010_17(4)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

L’infermiere di Triage nel Pronto Soccorso pediatrico

Ospedale Pediatrico Meyer, Firenze

The Triage nurse in paediatric emergency wards
Triage is a tool for the management of non-planned access to a Hospital Unit for acutely ill people. It is a process through which patients are discriminated and classified on the basis of the type of disease and the acuity of their conditions. Its goal is to define the priority by which the patient will be seen by a physician. Triage can be differently implemented depending on the context where it is performed: the emergency service dispatch, the ambulance service, the Hospital Emergency Department, disasters and community emergencies. The word derives from the French “trier”, i.e. to chose, to classify, and it describes an assessment method for the immediate evaluation and selection when there are many patients in need of health assistance. This paper discusses the role of paediatric triage at a Hospital level, in particular in Emergency Departments, as provided by the Italian legislation and guidelines for Emergency Departments accreditation. According to these, a triage activity must be provided in each Emergency Department and First Aid Unit by specifically trained nurses. The trend towards an increase in the use of Hospitals’ Emergency Departments and First Aid Units has made the implementation of triage, particularly in Paediatric wards, necessary.

Il sistema di triage è uno strumento organizzativo rivolto al governo degli accessi non programmati a un servizio per acuti. Questo processo, con cui i bambini vengono selezionati e classificati in base al tipo e all’urgenza delle loro condizioni, è da distinguere dalla visita medica poiché ha lo scopo di stabilire le priorità con cui il bimbo sarà visitato dal medico stesso. Può essere svolto con diverse modalità a seconda dei campi in cui viene applicato: in centrale operativa, in Pronto Soccorso, sul territorio o nelle maxiemergenze e catastrofi. Il termine deriva dal verbo francese “trier” e significa scegliere, classificare. Indica quindi il metodo di valutazione e selezione immediata usato per assegnare il grado di priorità quando si è in presenza di molti pazienti. Questo articolo approfondisce il concetto di triage a livello ospedaliero e in particolare nelle strutture complesse di Pronto Soccorso, come previsto dalle linee guida in materia di requisiti organizzativi e funzionali della rete di emergenza-urgenza (DPR 27/3/92). La tendenza, comune a tutte le realtà sanitarie, a un aumento del ricorso al Pronto Soccorso da parte dei cittadini, ha reso indispensabile l’attivazione di tale metodologia in tutti i Pronto Soccorso e in particolare in quelli pediatrici.

Quaderni ACP
Salute Pubblica

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?