ACP > InformACP > Il Blog ACP > L’alimentazione non è un problema
01 Dic 2010
stampa

L’alimentazione non è un problema

Paola Negri
W la pappa!
Edizione Urra, 2010
pp. 384, euro 15

Un altro libro che parla di alimentazione, rivolto alle famiglie, ma che i pediatri non possono ignorare e anzi dovrebbero considerare proprio nell’approccio all’alimentazione complementare guidata del bambino.
È qui la vera novità per tutti: l’arrivo di un bambino crea una grande occasione di cambiamento delle abitudini alimentari e dello stile di vita: un’occasione irripetibile, da non perdere, per riflettere sulle scelte che compiamo tutti i giorni, sia per il pediatra che può svolgere un ruolo importante di sostegno all’autonomia e consapevolezza dei genitori, sia per le famiglie, che possono godere del momento magico in cui il bambino inizia a sperimentare l’introduzione dei cibi solidi. Paola Negri, consulente in allattamento con diploma IBCLC e vicepresidente dell’associazione IBFAN (International Baby Food Action Network) sezione italiana, con la sua professionalità ma soprattutto con la sua impronta pratica, riconsegna la responsabilità in tema di alimentazione ai genitori, unici soggetti in grado di riconoscere i segnali dei propri figli e i loro tempi. Tenere il bambino a tavola con la famiglia sin dai primi assaggi significa saper aspettare il momento giusto, generalmente il sesto mese, significa sfruttare il desiderio di imitazione del bambino, che solo più tardi collegherà queste azioni al saziare la fame, significa proseguire con i soliti ritmi l’allattamento al seno o con sostituti. La prima parte del libro descrive bene come creare un clima favorevole, con esempi molto pratici e continui riferimenti scientifici e, in loro assenza, al buon senso. 
I genitori trovano risposte chiare alle più comuni domande e una guida anticipatoria per affrontare le situazioni che verranno a presentarsi con la crescita del bambino: “Finora mangiava di tutto e adesso…”, variazioni di appetito e di gusti, bambini che mangiano poco, bambini che non bevono il latte ecc. La seconda parte del libro, affrontando il tema dell’industrializzazione dell’alimentazione occidentale, della sua avanzata inarrestabile e delle sue conseguenze in termini di malattie cronico-degenerative, in particolare obesità, ci presenta un modo di mangiare sostenibile, non solo per la nostra salute ma anche da un punto vista ecologico ed etico. Anche in questa sezione troviamo molti consigli pratici, sul come fare la spesa, compostare gli scarti, ridurre gli imballaggi, utilizzare l’acqua del rubinetto. Per chi vuole saperne di più c’è uno spazio dedicato alla descrizione dei nutrienti fondamentali e uno dedicato ai gruppi di alimenti, in modo da realizzare una piramide alimentare personalizzata sulla base di chiare indicazioni generali. Infine ricette per tutti i gusti, per cimentarsi in un’attività creativa con i bambini. In bibliografia e sul sito di Paola Negri sono riportati i link delle risorse in rete, davvero numerose e qualificate. Se i pediatri non si affretteranno a fare marcia indietro, eliminando tabelle e prescrizioni
e rivalutando le competenze dei genitori, presto si troveranno a rincorrere con grande fatica un cambiamento che per fortuna sta già arrivando.
Patrizia Rogari

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?