ACP > InformACP > Il Blog ACP > Una famiglia multiculturale di topini
01 Dic 2010
stampa

Una famiglia multiculturale di topini

Gaetano Gerbino
Il grande tulipano
Illustrazioni di Elisabetta Gallina
Tabula Fati Editore, 2010
pp. 76, euro 7

Ci sono libri che aprono mondi, che dicono molto di più della storia scritta e, per questo, sono preziosi. Il grande tulipano è il racconto di una famiglia di topini, delle avversità che incontra, con un malinconico lieto fine. Piacerà ai bambini e, speriamo, sarà una occasione di meraviglia per gli adulti. Il libro, infatti, contiene due versioni della stessa storia, una in italiano, l’altra in arbëreshë. Già perché il nostro scrittore appartiene a quell’antico ceppo degli albanesi d’Italia che, nel XV secolo, emigrarono nel nostro Sud mantenendo tradizioni e linguaggio, l’arbëreshë appunto. In tempi di quotidiane polemiche sull’emigrazione, è un bel messaggio quello che arriva da Gerbino, medico, anche lui emigrante, dalla Sicilia alla Romagna, dove vive e lavora. L’Autore non inventa soltanto storie ma è un apprezzato traduttore dall’albanese d’Italia e viceversa. I topini grigi, protagonisti della storia, ci svelano uno stupendo segreto: come si preparano i sogni. Il sogno, evento fondamentale e misterioso anche nella vita degli umani, viene confezionato dentro il grande tulipano in una sorta di paradiso terrestre, il Fantatopomondo, abitato da migliaia di topini bianchi.
I tulitopini, sotto le direttive del tulimaestro, hanno il compito di spedire sulla terra sogni corrispondenti ai desideri.
Anche senza scomodare Freud, si sa che i sogni sono quasi sempre realizzazioni “virtuali” di desideri. Adesso sappiamo anche chi li prepara! È una bella storia della buonanotte con preghiere incluse, preghiere di topino naturalmente. “Un bel giorno decisero di legare le loro vite per sempre e costruirono insieme la loro tana, dove vissero felici e gioirono ed ebbero tanti piccoli topini grigi = Një bukur ditë vendosën të lidhjën gjellët e tyre për gjithmonë e bë në strofullin e tyre ku rruan e trazhguan e patën shumë të nokërr ngjyrë hiri”. 
Anna Grazia Giulianelli

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?