ACP > Editoria > Quaderni ACP > Esperienze > Allattamento adottivo in Italia: reale e misconosciuto
Quaderni acp - 2011; 18(3): 125-127
quaderni acp
Quaderni acp 2011_18(3)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Allattamento adottivo in Italia: reale e misconosciuto

Pediatra, IBCLC, Roma; Pediatra, IBCLC, ASL Milano, Milano

Adoptive breastfeeding in Italy: unrecognized and real

Pediatricians and health care operators are not aware that women can breastfeed an adoptee after ‘lactation induction’, as recommended by the AAP guidelines. This case reports about an adopted newborn breastfed by a mother couched through by an International Board Certified Lactation Consultant (IBCLC). This professional may follow adoptive mothers towards the chosen direction, as well as collaborate with pediatricians, obstetricians and other health care providers committed to support these special mothers.

Pediatri e operatori sanitari sono all’oscuro della possibilità di allattare al seno un bambino non biologico tramite l’induzione della lattazione, come raccomandato dalle linee guida AAP. Il caso descritto illustra come una neonata adottata sia stata allattata al seno da una madre guidata da una Consulente Professionale in Allattamento
Materno (IBCLC). Tale professionista può accompagnare nel loro percorso le madri adottive e inoltre lavorare in squadra con pediatri, ginecologi e altri operatori sanitari che si dedichino a sostenere queste mamme speciali.

Esperienze
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?