ACP > InformACP > Dicono di Noi > L’ INDAGINE LE PEDIATRIE? SOTTO I COLORI POCO O NIENTE
27 Ott 2011
stampa

L’ INDAGINE LE PEDIATRIE? SOTTO I COLORI POCO O NIENTE


L’ INDAGINE LE PEDIATRIE? SOTTO I COLORI POCO O NIENTE

La Repubblica.it
25 ottobre 2011 —   pagina 33   sezione: SALUTE
Clown-terapia, arte in corsia, laboratori di musica? Tutto questo, nei reparti pediatrici italiani c’ è. Ma ancora poco. A dirlo è l’ indagine “Umanizzazione delle corsie di pediatria”, realizzata da ACP con SISIP, la società degli infermieri pediatrici presentata di recente Roma nell’ ambito del congresso dell’ Associazione Culturale Pediatri. Nello studio, durato sei mesi, è rappresentato il 20% delle pediatrie (111 su 500). Il 90% ha strutture accoglienti, attrezzate con pareti colorate, arredi a misura di bambino, ambienti allegri e curati. Nota dolente le attività: solo in un terzo vengono proposte attività ludiche o creative (canto, letture, pittura, clown, musica). I progetti di lettura sono presenti nel 30% del campione. Quelli di musica in 26 su 100. Di progetti di pet therapy se ne contano 13 su 100. Nel 66% c’ è una ludoteca e nel 37 spazi attrezzati all’ aperto. Solo il 23% degli operatori però ritiene utili le attività ludiche in reparto. Infine la scuola: in meno della metà del campione (47%). «Ad essere più attrezzati sono i reparti degli ospedali generalisti», segnala Paolo Siani, Presidente ACP, primario al Santobono di Napoli. – t. sim.
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?