ACP > InformACP > Il Blog ACP > COMUNICATO STAMPA: Mai più auto davanti alle scuole: gli incidenti non sono fatalità
16 Gen 2012
stampa

COMUNICATO STAMPA: Mai più auto davanti alle scuole: gli incidenti non sono fatalità

COMUNICATO STAMPA
[scarica il comunicato]

Mai più auto davanti alle scuole: gli incidenti non sono fatalità

Immagine dal sito: www.ecodallecitta.it

I pediatri Acp chiedono alle istituzioni e alla società civile misure drastiche per evitare incidenti automobilistici davanti alle scuole e nelle aree ad alta presenza di bambini.

Gli incidenti d’auto sono la prima causa di morte dei minori fino a 14 anni, nel 2010 sono stati investiti 2.180 bambini (dati Istat-Aci) con conseguenze a volte gravissime e invalidanti.

Per evitare questi pericoli basterebbero accorgimenti di buon senso e a costo zero sostenuti dalle amministrazioni locali: per esempio, i “PEDIBUS”, “carovane” umane di sicurezza per accompagnare i piccoli a scuola e divieti di circolazione davanti alle scuole, insieme ai dissuasori di velocità.

Manovre azzardate, genitori trafelati che cercano parcheggi improbabili, zig zag scomposto tra cartelle e pedoni: non può più essere questo il panorama quotidiano davanti alle scuole.

La cronaca racconta di due incidenti mortali in due giorni proprio davanti a scuole e da parte di genitori che avevano accompagnato i figli. E, a pensarci bene, vista la situazione cronica di caos davanti agli istituti, è strano che tragedie del genere non accadano ogni giorno.

A tutto questo, i pediatri ACP chiedono che si ponga un freno.

Che si trovino soluzioni praticabili e OBBLIGATORIE in tutti i centri urbani (che si tratti di metropoli o di paesini, non fa differenza), perché la sicurezza dei pedoni sia messa al primo posto.

A maggior ragione quando si tratta di pedoni “fragili” e a rischio come i bambini.

ACP chiede che si rendano sicure le aree attorno alle scuole, vietando i parcheggi e diffondendo consapevolezza insieme a soluzioni alternative per i genitori e chiunque accompagni gli studenti.

In alcune zone d’Italia, sono nati da qualche tempo progetti di PEDIBUS, veri e propri “bus” umani, formate da volontari (genitori, nonni ecc) che accompagnano gli studenti delle scuole primarie lungo percorsi sicuri, segnalati e ben visibili per le auto.

Una soluzione a costo zero, semplice, che sta dando buoni risultati in piccole città, ma anche in metropoli come Milano e Roma e che funziona perché coinvolge la comunità nell’impegno della sicurezza dei propri figli.

Sarebbe poi necessaria anche maggiore presenza di vigili urbani, perché non sempre è rispettato il limite di velocità a 30 Km intorno alle scuole, e che manovre rischiose e soste selvagge (per pochi minuti!) la fanno da padrone negli orari di ingresso e uscita dalle scuole.

In altri Paesi Ue molto è stato fatto per evitare queste situazioni di pericolo: dissuasori di velocità, passaggi pedonali rialzati ecc.

Da noi, tutto è demandato all’efficienza e alla volontà dei singoli amministratori locali.

E comunque, resta il fatto che alla base degli episodi citati c’è distrazione, dovuta alla fretta, e il fatto stesso di non impedire la sosta e le manovre in aree a rischio.

ACP chiede l’attivazione di misure che siano severe e ragionevoli insieme: perché per la sicurezza dei bambini non ci devono essere “se” e “ma”.

Partendo appunto dal presupposto che gli incidenti non sono una fatalità.

La maggior parte di essi sono evitabili, perché sono determinati da vari fattori: tecnologia, ambiente, legislazione, educazione.

Le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dicono che circa un terzo delle malattie infantili dalla nascita ai 19 anni sia attribuibile all’ambiente insalubre o insicuro. All’interno di questa frazione una parte importante di malattie e di morte è causata dagli incidenti, che rappresentano la prima causa di morte per i minori e sono responsabili, in media, di un sesto (>16%) del totale di mortalità e malattia, con picchi fino ad un terzo (>30%) nella subregione europea dell’OMS, che comprende anche l’Italia.

Gli incidenti sono, assieme ai tumori, la prima causa di morte in Italia nella fascia d’età 1-14 anni.

Il Rapporto Istat-Aci presentato nel novembre 2011 indica che nel 2010 proprio tra i giovanissimi passeggeri si è registrato un enorme numero di vittime di incidenti mortali e notevole è anche il numero dei pedoni investiti feriti o uccisi. Nel Rapporto si legge che i bambini da zero a 14 anni investiti sono stati 2.180, e ne sono morti 11; mentre 12.766 sono stati feriti in incidenti automobilistici e 69 hanno perso la vita.

In un quadro così sconfortante, non è possibile restare indifferenti, e i pediatri ACP si fanno parte attiva di questo cambiamento culturale promuovendo una cultura della sicurezza a 360 gradi per i bambini.

Dott. Paolo Siani – Presidente ACP

Dott. Giacomo Toffol – Responsabile del Gruppo Ambiente/Pediatri per un mondo possibile ACP

Informazioni:

Lucilla Vazza – Ufficio stampa stampa ACP

cell. 393.9484809

stampa

Ci sono 2 commenti:

  1. michela - 16 Gen 2012 8:39 PM

    Condivido in pieno la richiesta e credo che più piste ciclabili e più spazi per parcheggiare le bici vicino alle scuole sarebbero già un bel passo avanti. Nella scuola di mio figlio c’è un cartello in cui si chiede di non parcheggiare bici nel cortile e per strda non c’è nessun posto dove lasciarle. Quindi? Tutti in macchina!!!

  2. Anonimo - 17 Gen 2012 4:33 PM

    Anche io condivido ma in questo caso chiediamoci come sia possibile che un bimbo di 5 anni esca all’improvviso appena la mamma parcheggia! Non era legato? Non aveva la sicura sulla portiera? In questi casi gli incidenti sono stati provocati semplicemente dalla gravissima negligenza dei genitori e non certo di chi arriva e parcheggia a fianco! Anche riguardo allo zaino impigliato nel camper: Ma la madre non guarda il figlio che attraversa dopo averlo scaricato? O che almeno si allontani dall’auto? Anche io ho 2 figli ormai grandi ma quegli accorgimenti mi sono sempre sembrati minimi!!!!