ACP > Editoria > Appunti di viaggio > AdV 2012-N05
01 Mag 2012
stampa

AdV 2012-N05

Cari soci/e,
AdV vi presenta questo mese un breve profilo, un piccolo autoscatto, dei candidati al prossimo consiglio direttivo che potranno essere votati come di consueto per posta (i soci in regola con l’iscrizione riceveranno la scheda elettorale) o direttamente ad ottobre al congresso nazionale a Torino. Vi invitiamo a partecipare numerosi come al solito alle votazioni e chiediamo ai referenti regionali uno sforzo in più per incitare i gruppi a partecipare numerosi al congresso nazionale. L’ACP in collaborazione con la redazione di Quaderni acp ha deciso di avviare a partire dal 2013 la formazione a distanza (FAD); per potere realizzare questo progetto abbiamo bisogno però di avere subito 300 adesioni. Il costo della FAD sarà molto contenuto per i nostri soci (soltanto 50 euro) ma vi chiediamo di mobilitarvi per far arrivare la notizia a tutti i soci e di compilare l’apposito modulo per l’adesione. Infine vi invitiamo a visitare il blog dell’Associazione e di interagire con noi, proponeteci argomenti da trattare, quesiti, lasciate i vostri commenti la redazione del blog ne sarà ben lieta.

Buona lettura!

Paolo Siani

 

» Autoscatto del candidato
Abbiamo sottoposto il solito gioco di AdV ai candidati del 2012. Dalle loro risposte potremo conoscere meglio gli amici che ci rappresenteranno nel prossimo direttivo. Hanno risposto:
Carla Berardi, Daniela Lizzi, Manuela Orrù, Pierangela Rana, Gherardo Rapisardi, Naire Sansotta, Sergio Zarrilli

» L’ACP e Quaderni acp avviano la formazione a distanza (FAD)
L’ACP ha deciso di ampliare la sua proposta formativa con un corso di formazione a distanza (FAD) che, erogato da Quaderni acp, tratterà argomenti clinici derivanti dalla pratica professionale quotidiana. La formazione a distanza può ormai fornire la totalità dei crediti annuali necessari e ACP intende garantire una proposta formativa di qualità, che deve prevedere una buona partecipazione dei soci, dato anche l’impegno in termini di costo. Auspicando una partecipazione numerosa al progetto, vi chiediamo di inviare la vostra adesione sin da ora per consentirci di realizzare un percorso annuale, accreditato, che avrà come unica spesa per il partecipante una iscrizione iniziale di 50 euro se si è soci ACP e 150 euro per i non soci. La raccolta di almeno 300 iscrizioni permette di avviare l’iniziativa già nel 2013. Contiamo anche su una vostra efficace azione di sensibilizzazione nei gruppi locali.
Per ulteriori dettagli in merito al percorso e alla partecipazione non esitate a contattare il Direttore di Quaderni acp.
In considerazione del fatto che molti soci hanno un buon numero di contatti sul proprio account facebook, è possibile la condivisione del post della FAD presente sulla pagina facebook dell’ACP.
E’ sufficiente che facciate click su (Share – tramite RSS Graffiti) o “Mi piace”.

» L’ACP ripensa la pediatria: lettera ai soci
Da qualche anno le riviste specializzate ed i convegni si stanno interessando alle prospettive future ed agli sviluppi dell’Area pediatrica. Negli ultimi mesi questa attenzione è stata amplificata per effetto di alcune dichiarazioni di assessori e politici e, da ultimo, del Ministro della Salute, in merito alla fascia assistenziale da considerare di esclusiva pertinenza pediatrica. In effetti la crisi del ricambio generazionale dei pediatri italiani può determinare conseguenze significative sul panorama assistenziale del nostro paese, in considerazione anche dell’attuale contesto socio-sanitario caratterizzato da una crescente complessità sociale, da aumento delle patologie croniche e delle condizioni di disabilità e disagio… La nostra Associazione, rimarcando le nostre posizioni culturali, ha sempre preso posizione su temi di organizzazione sanitaria ed anche in questi mesi sta contribuendo al dibattito politico su questi contenuti. In Emilia-Romagna, coinvolgendo con molta tenacia i colleghi delle società scientifiche, delle sigle sindacali e della NPIA, si è lavorato per produrre un documento contenente un’analisi dettagliata della situazione assistenziale nell’età evolutiva, la definizione di obiettivi specifici e di proposte operative da concretizzare per affrontare questa congiuntura critica… Il Consiglio Direttivo nazionale si è impegnato nella discussione e nella stesura di una proposta di riordino del sistema assistenziale delle cure primarie e dei secondi e terzi livelli ospedalieri/universitari… Come referenti regionali, all’interno dei nostri gruppi, dovremo discutere i principi ispiratori ed i contenuti di un nuovo documento programmatico che sarà poi proposto ed approvato durante il Congresso Nazionale di Torino. Pertanto nelle prossime settimane vi invieremo una nostra proposta e vi invitiamo a discuterla con i soci e poi far giungere a Franco Mazzini (franco.mazzini@libero.it) referente regionale Emilia Romagna, che ha coordinato con il direttivo questo lavoro, le vostre osservazioni prima del congresso di Torino.
[leggi il testo integrale]                                   (Federica Zanetto)

» Un’idea sulle riviste pediatriche e su Quaderni acp: intervista a Michele Gangemi
Da una chiacchierata con il nuovo direttore della rivista Quaderni acp è nata l’idea di questa intervista. Nessun cambio di direzione è mai banale, e mi sembrava giusto approfondire con Michele Gangemi il suo “senso” della rivista che da quest’anno dirige e le sue opinioni sull’editoria pediatrica più in generale, essendo Quaderni acp la maggiore proposta dell’associazione per i suoi soci.
Trovate qui il testo dell’intervista.
(Maria Francesca Siracusano)

»
Dal blog dell’Associazione
Vi segnaliamo gli ultimi argomenti pubblicati:

» Il testicolo ritenuto: nuova segnalazione
Già in precedenza avevamo segnalato la pubblicazione su BMC della nostra ricerca sulla gestione del bambino con testicolo ritenuto. Management of cryptorchidism: a survey of clinical practice in Italy, BMC Pediatrics 2012, 12:4 doi:10.1186/1471-2431-12-4. Abbiamo ora il piacere di segnalare che su PUBMED compaiono, come auspicato, TUTTI i nomi del gruppo collaborativo dello studio, sia i pediatri partecipanti sia i componenti dello Scientific Commitee. Aver ottenuto questo risultato, grazie alla determinazione del gruppo organizzativo dello studio, è il modo migliore per evidenziare l’importanza delle vere Ricerche Collaborative, come questa, che è stata resa possibile grazie alla raccolta di dati operata dai pediatri di famiglia, ed alla collaborazione tra l’Associazione Culturale Pediatri, la Clinica Pediatrica ed il Servizio di Epidemiologia e Biostatistica dell’IRCCS Burlo Garofolo dell’Università di Trieste, la Clinica Pediatrica dell’Università di Chieti.
Ci felicitiamo assieme a voi per questo risultato, che premia l’impegno di tutti nell’effettuazione di questa ricerca.
(P. Siani, Federico Marchetti, Giacomo Toffol, Luca Ronfani)

»
Gli Argonauti XIII: “L’approdo alla terra delle Sirene” Sorrento, 25-26 maggio 2012
Per il terzo anno “Gli Argonauti” sono rimasti ancorati in Campania, nella magnifica cornice di Sorrento, ma non hanno rinunciato alla voglia di cambiamento. Nuova formula, con tre sessioni monotematiche (reumoartropatie croniche, autismo e alimentazione complementare) e un finale con “pillole di novità”. Prima sessione, dedicata a casi clinici e alle basi molecolari delle reumoartropatie e delle sindromi autoinfiammatorie, malattie complesse e in crescita, con nuovi farmaci in grado di cambiarne il corso ma anche molto costosi. Grandi passi in avanti, da Kanner ad oggi, sono stati fatti sui disturbi pervasivi dello sviluppo, nel campo della comprensione e dell’intervento precoce, a patto che il pediatra di famiglia adoperi gli strumenti (M-CHAT) che possono consentire l’individuazione anche dei casi atipici. Il prof. Militerni ha sottolineato l’importanza, pur considerando i loro limiti, delle nuove linee-guida per il trattamento, da poco emanate dall’ISS. Cominciano ad accumularsi evidenze, ci ha spiegato Piermarini, sulla… mancanza di evidenze che ha caratterizzato per decenni il modo tradizionale di condurre l’alimentazione complementare. L’obiettivo dell’ACP è ambizioso e a lungo termine: il ritorno all’alimentazione tradizionale, far mangiare bene la famiglia per far mangiare bene il bambino. L’argomento ha fornito spunti per un ricco dibattito che ha coinvolto tutti i relatori, in particolare la dott.ssa Maranghi, esperta di sicurezza alimentare. Nell’ultima sessione interessanti suggestioni sulle reti neuronali e sulle loro connessioni, processo deterministico di adattamento che probabilmente dura tutta la vita; la dott.ssa Fiorentino ci ha proiettato immagini inquietanti sulle possibili conseguenze di un mancato o cattivo uso dei mezzi di contenimento del bambino in automobile. Per finire, il primo premio del concorso fotografico “Pasquale Causa” è stato vinto ex aequo da Tiziana Cristiani (foto “Gioco di sguardi”) e Carlo Corchia (foto “prima del volo”). Il premio è stato introdotto da un “ritratto di Pasquale” di Giancarlo Biasini, vero e nostalgico ma sempre senza rinunciare allo humor. Sul blog dell’ACP troverete le foto in concorso.
(Giuseppe Primavera)

»
XXIV Congresso Nazionale ACP
Torino, 11-13 ottobre 2012. “Dopo undici anni il congresso nazionale ACP torna a Torino. Sono stati anni di cambiamenti profondi: sono mutate la società, le famiglie, i bambini, e naturalmente anche i pediatri e la pediatria. L’interpretazione di questo “nuovo mondo” non è sempre facile. Per questo vi proponiamo un dialogo con scienze “altre” quali la sociologia, la bioetica e l’antropologia, per cercare di capire meglio chi abbiamo di fronte, dove nascono i suoi e i nostri disagi e come fare per prendercene cura. Nella sessione del giovedì pomeriggio il dialogo sarà più teorico, ma nella discussione lo riporteremo alla concretezza quotidiana. Nelle sessioni del venerdì e del sabato alcuni pediatri presenteranno le storie dei loro pazienti, approfondite, quando utile, da altri protagonisti significativi, genitori, insegnanti, specialisti, e infine discusse con esperti, anche non medici, e con il pubblico.
I casi, che chiamiamo clinici, altro non sono infatti che le storie dei nostri pazienti, bambini che hanno un nome, che vivono in un contesto definito e che esprimono esigenze precise che vanno ascoltate, comprese e interpretate per cercare una risposta che sia un aiuto reale, inevitabilmente individualizzato, ma proprio per questo rispettoso del loro diritto alla salute”.

» Appunti di Viaggio segnala
A mali estremi … LA BIBA!!!! la Biblioteca dei Bambini
Da 2 anni la biblioteca del quartiere di Secondigliano (area nord della città di Napoli) è chiusa. In realtà anche quando era aperta non aveva una funzione né culturale né sociale per il territorio. La gente non sapeva neppure dove fosse, qualche studente, a corto di spazi a casa, vi studiava. Ormai da 11 anni NpL mi aiuta nel mio lavoro quotidiano in consultorio e nelle scuole del quartiere dove, tra pidocchi ed educazione sessuale, vado seminando libri nelle sezioni annesse di scuola materna. Ho ancora tanti libri, quelli che con Pasquale riuscimmo ad acquistare con fondi comunali dell’assessorato alle politiche sociali. E ne ho anche molti altri messi insieme in questi anni, tra donazioni e premi e semplici regali di ragazzi ormai cresciuti. Bene, d’un tratto ho deciso. Ho deciso che una biblioteca, certo piccina picciò, me la sarei organizzata da me. In uno spazio assegnato dal vecchio direttore distrettuale al consultorio dai tempi dell’adozione sociale proprio accanto alla mia stanza, ho trascinato due vecchi armadi, una scrivania che nessuno vuole e un tavolinetto con due sedioline e ho sistemato i miei 312 libri, intendo 312 titoli (per ora), organizzati per età: da 0 a 12 – 13 anni. Certo i libri per ragazzini sono pochi, ma conto di incrementarli. Del resto a questa età sono non molti i ragazzi che vedo, ma, poiché ho aperto la biblioteca al quartiere, spero in un incremento del numero, anche contando sul fatto che molti dei piccoli hanno fratelli maggiori! Ho diffuso una locandina informativa nelle scuole più vicine e ne ho portato un po’ nell’ufficio distrettuale cui afferiscono i PdF per il ritiro dei ricettari. Naturalmente ho in animo di fare un giro per gli studi dei colleghi e anche in quelli dei MMG. E poi… c’è il passa parola!!!
L’orario ufficiale d’apertura è dalle 14.30 alle 16.30 del martedì, che è il mio giorno di lunga, ma per gli “interni” vado e vengo in continuazione, con i bambini che mi seguono eccitati.
Ho scoperto che mi piace tantissimo fare la pediatra bibliotecaria!!!                                           (Lina di Maio)

Nel sito della Biblioteca Ragazzi Adamo Bettini le proposte di lettura di Nati per Leggere per l’estate 2012.
(Loretta Righetti)

» AdV ospita Un Pediatra Per Amico
Il famoso caso della TBC al Gemelli di Nicola D’Andrea

» Larticolodelmese
Costantino Panza commenta l’articolo:
Coon JT, Martin A, Abdul-Rahman et al.
Interventions to reduce acute paediatric hospital admissions: a systematic review.
Arch Dis Child 2012;97:304-311