ACP > Editoria > Quaderni ACP > Il reflusso gastroesofageo: come eravamo
Quaderni acp - 2012; 19(2): 52-56
quaderni acp
Quaderni acp 2012_19(2)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Il reflusso gastroesofageo: come eravamo

UO Pediatria, Ospedale “Morgagni-Pierantoni”, AUSL di Forlì; UO Pediatria, Ospedale “San Paolo”, Napoli; Associazione Culturale Pediatri; UO Pediatria, AORN “Cardarelli”, Napoli;

The way we managed gastroesophageal reflux

Introduction We investigated the strategies of clinical approach to gastroesophageal reflux (GER) among primary care (PCP) or hospital (HP) pediatricians.

Material  and  methods Retrospective  data  on  diagnostic  and  therapeutic  approach  to suspected GER disease in 0- to 13-year children were collected by a group of paediatricians.

Results Records of 107 children were collected by 11 PCP and 5 HP. Seventy-eight percent of children followed by PCP were <1 year of age. Regurgitation, vomiting, irritability in infants and poor weight gain were the most frequently reported symptoms at presentation. Among respiratory symptoms, cough and apnoea were often related to a possible  GER  disease.  Fifty-nine  percent  of  children  by-passed  their  PCP  directly accessing to specialist consultation in hospital. The results of our survey are discussed with  special  reference  to  diagnostic  workup,  lifestyle  changes  and  pharmacologic therapy adopted by the paediatricians.
Discussion The  paediatricians  involved  in  the  study  showed  a  rather  well-balanced approach  to  the  child  with  suspected  pathologic  GER.  The  first  year  of  life  still remains challenging as far as frequency of presentation and appropriateness of clinical approach are concerned.

Introduzione Abbiamo indagato quali fossero stati, negli anni recenti, i comportamenti diagnostico-terapeutici dei pediatri nei confronti del reflusso gastroesofageo (RGE).
Materiali e metodi Un gruppo di pediatri di famiglia (PdF) e di pediatri ospedalieri (PO) ha raccolto retrospettivamente i dati sul percorso diagnostico-terapeutico dei bambini di 0-13 anni seguiti per sospetta malattia da RGE.
Risultati 11 PdF e r PO hanno raccolto complessivamente i dati di 107 bambini. Il 78% dei bambini visti dai PdF aveva meno di un anno di età. Rigurgito, vomio, irri-  tabilità nel lattante e rallentamento della crescita sono stati i problemi più frequentemente riportati. Tra i sintomi respiratori, la tosse e l’apnea sono stati più spesso messi
in relazione con na possibile malattia da RGE.  Nel 59%  dei  casi il bambino è giunto allo specialista senza esservi stati inviato dal proprio PdF. Vengono discussi i dati re-  lativamente alla diagnostica di laboratorio e strumentale, alla terapi farmacologiva e ai provvedimenti non farmacologici preferenzialmente impiegati dai PdF e dai PO.
Discussione Tra i  pediatri  partecipanti  emerge un  comportamento complessivamente equilibrato nei confronti del sospetto di malattia da RGE.  Il primo anno di vita si conferma come periodo particolarmente delicato per la frequenza di presentazione per l’appropriatezza dell’approcio clinico.

Quaderni ACP
Ricerca
Ricerche pubblicate

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?