ACP > Editoria > Quaderni ACP > Narrative e dintorni > La prevenzione dei disturbi alimentari passa attraverso la mamma
Quaderni acp - 2012; 19(6): 265-267
quaderni acp
Quaderni acp 2012_19(6)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

La prevenzione dei disturbi alimentari passa attraverso la mamma

ARP, Associazione per la Ricerca in Psicologia clinica, Milano, Servizio Disturbi Alimentari

The prevention of eating disorders comes from the mother
From the beginning of life psychic and physical factors are inseparable in eating expe riences: a breastfed child receives from his mother not only food but also her moods.
The event of eating becomes an important indicator of the quality of a relationship: the paediatrician has a privileged position from which the emotional component can be observed and the first signs of disturbances can be caught. A conversation with the mother  can  become  a  precious  occasion  for  activating  a  “consideration  place” regarding these arguments.

Nell’esperienza alimentare, fin dall’inizio della vita, i fattori psichici e i fattori fisici sono inseparabili: il bambino allattato dalla sua mamma riceve cibo insieme con gli stati d’animo che questa prova. La vicenda alimentare si configura come un indicatore importante della qualità della relazione: il pediatra occupa uno spazio privilegiato da cui osservare la componenteemotiva e cogliere alcuni segnali precoci di disturbo.
Il colloquio con la mamma può diventare un’occasione preziosa per attivare “un labo ratorio di riflessione” su questi temi.

Narrative e dintorni
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?