ACP > InformACP > Il Blog ACP > Tac ai bambini aumenterebbero il rischio di leucemie e tumori al cervello
29 Giu 2012
stampa

Tac ai bambini aumenterebbero il rischio di leucemie e tumori al cervello

Roma, 7 giu. (Adnkronos Salute) – Prudenza con gli esami diagnostici nei bambini. Sottoporli a Tacprima dei 15 anni potrebbe triplicare il pericolo, futuro, di un tumore al cervello o di una leucemia. Lo suggerisce uno studio dell’università britannica di Newcastle, pubblicato sulla rivista Lancet, e in cui ricercatori, pur sottolineando che comunque si tratta di ‘rischio basso’, invitano a ricorrere, quando possibile, ad altre tecniche di diagnosi. Come la risonanza magnetica che non espone a radiazioni ionizzanti. Da bandire, invece, qualsiasi esame non strettamente necessario.


La ricerca è stata realizzata su 178.604 pazienti con meno di 22 anni che, tra il 1985 e il 2002, hanno effettuato Tac negli ospedali britannici. I dati raccolti hanno permesso di stabilire, per la prima volta un legame diretto tra le dosi di radiazioni ricevute durante l’infanzia e il rischio accresciuto di tumori cerebrali o leucemia. In sintesi, una Tac al cervello si traduce, praticamente, in un caso aggiuntivo di cancro al cervello, nel decennio successivo, per ogni 10.000 pazienti.
I ricercatori si appellano, dunque, alla prudenza. “La riduzione delle dosi di raggi nei bambini – dice Mark Pearse, dell’Università di Newcastle – deve essere una priorità. Non solo per i medici radiologi, ma anche per i produttori di apparecchi”.
Per approfondire:
Radiationexposure from CT scans in childhood and subsequentrisk of leukaemia and brain tumours: a retrospectivecohortstudy

Il podcast:
Explanationof new data concerningchildhood CT scans and increasedrisk of leukaemia and brain cancer (mp3, 8:04 mins, 7.38Mb)

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?