ACP > InformACP > Il Blog ACP > MENO CIBO NELL’INFANZIA RALLENTA IL DECLINO CEREBRALE DA ADULTI
08 Gen 2013
stampa

MENO CIBO NELL’INFANZIA RALLENTA IL DECLINO CEREBRALE DA ADULTI

Soffrire un po’ la fame da piccoli potrebbe rallentare il declino delle facolta’ mentali tipico degli anziani. Pubblicato su Neurology, lo studio e’ della Rush University Medical Center di Chicago. Gli esperti hanno intervistato più di 6100 75enni su varie condizioni, tra cui salute e alimentazione, durante l’infanzia. In chi dichiarava di aver ‘patito’ qualche volta la fame il declino cognitivo era rallentato di un terzo rispetto alla discesa fisiologica delle performance mentali legata all’eta’. 
Il team di studiosi non è stato in grado di dimostrare scientificamente la relazione di causa-effetto, tuttavia l’ipotesi più plausibile è sembrata essere l’influenza positiva della restrizione calorica nel ritardare l’inizio dei cambiamenti fisiologici dell’organismo legati all’aumentare dell’età. 
Per approfondimenti
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?