ACP > InformACP > Il Blog ACP > Salute: dallo sciroppo all’antibiotico, occhio a effetti avversi farmaci
21 Feb 2013
stampa

Salute: dallo sciroppo all’antibiotico, occhio a effetti avversi farmaci

Gli effetti dei farmaci non sono sempre benefici e, in alcuni casi, la loro assunzione può determinare conseguenze anche gravi. ‘Esiste un 4-6 percento della popolazione generale – afferma Roberto Bernardini, Presidente della Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP) – che manifesta reazioni avverse ai farmaci. All’interno di questa percentuale, dal 10 al 20 percento dei soggetti coinvolti presenta reazioni dovute ad un meccanismo immunologico-allergico che può essere immediato, con comparsa di sintomi entro un’ora dall’assunzione del farmaco, oppure tardivo, con comparsa di sintomi dopo un’ora dall’assunzione’. 
Con l’espressione reazione avversa ai farmaci si fa riferimento a qualsiasi risposta non desiderata ed involontaria che si verifica in seguito alla assunzione, per motivi diagnostici, preventivi o terapeutici, di un farmaco peraltro considerato appropriato allo scopo.
‘Incrociando i dati delle statistiche – sottolinea Bernardini – risulta che le reazioni avverse ai farmaci determinano dall’1 al 5 per cento dei casi di ricorso al Pronto Soccorso e si registrano in una percentuale che varia dal 5 al 20 per cento nei pazienti ospedalizzati secondo le varie casistiche internazionali’. Fin dalla prima eta’, le allergia ai farmaci possono avere conseguenze anche gravi, ma purtroppo talvolta vengono etichettati come allergici anche soggetti che in realta’ non lo sono. Nel sospetto di una reazione allergica ad un farmaco, quindi, e’ sempre necessario confermare o meno tale sospetto, anche per non classificare come allergico un bambino che poi non lo e’.
‘A tal fine – continua il Presidente della SIAIP – e’ ben codificato uno specifico iter diagnostico, specialmente per i farmaci antibiotici beta-lattamici. La diagnosi, naturalmente, deve essere eseguita da uno specialista in allergologia e immunologia clinica nei centri di allergologia pediatrica dove verranno effettuati gli opportuni test cutanei (skin prick test, intradermo, patch test), i prelievi ematici (in particolare ricerca IgE sieriche specifiche) e test di provocazione per la conferma o meno di tale allergia’. Quanto all’ambito pediatrico, in particolare, gli antibiotici sono i farmaci maggiormente responsabili di reazioni avverse nei bambini. Non solo. Nell’infanzia, a differenza di quanto accade nell’età adulta si utilizzano molto gli sciroppi che contengono additivi e coloranti che possono dare reazioni cutanee talvolta erroneamente imputate al principio attivo ma che in realtà derivano dagli eccipienti. ‘Ecco perchà – conclude Bernardini – e’ importante non fermarsi ai sintomi ma eseguire sempre approfondimenti diagnostici’.
stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?