ACP > Editoria > Quaderni ACP > Quanto aumenta il rischio di sviluppare un tumore nei bambini esposti a esame TC?
Quaderni acp - 2013; 20(2): 68-70
quaderni acp
Quaderni acp 2013_20(2)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Quanto aumenta il rischio di sviluppare un tumore nei bambini esposti a esame TC?

Unità di Terapia Intensiva Neonatale, Istituto G. Gaslini, Genova

What is the excess risk of cancer after CT scan in children?
Recently The Lancetpublished a study in which a positive association between radiation dose from CT scan and leukemia and brain tumor was found. Data came from this retrospective cohort study in UK of almost 180,000 patients younger than 22 years of age without previous cancer diagnoses who were first examined with CT in some National Health Service (NHS) centres. Follow-up for leukemia began 2 years after the first CT and for brain cancer 5 years after the first CT in order to avoid inclusion of CT scans related to cancer diagnosis. A positive association between radiation dose from CT scans and leukemia and brain cancer was found. Compared with patients who received a dose of less than 5 mGy, leukemia incidence was about three times higher in patients who received a cumulative dose of at least 30 mGy and for brain cancer in patients who received a dose of 50-74 mGy. Since these cancers are relatively rare, the
cumulative absolute risks are small. Nevertheless, although clinical benefits should outweigh the small absolute risks, radiation doses from CT scans ought to be kept as low as possible and alternative procedures, which do not involve ionizing radiation, should be taken in consideration if appropriate.

Un recente studio pubblicato su The Lancettrova un’associazione positiva tra esposizione a radiazioni ionizzanti da  esame TC e incidenza di tumore negli anni successivi. I dati sono stati raccolti in uno studio di coorte retrospettivo in Gran Bretagna su quasi 180.000 soggetti di età inferiore a 22 anni seguiti al follow-up tramite il database del Sistema sanitario nazionale (NHS). I casi di leucemia entro due anni dalla TC o di tumore cerebrale entro cinque anni sono stati esclusi dall’analisi per ridurre la possibilità d’includere pazienti che erano stati sottoposti all’esame per un sospetto
di cancro. È stato riscontrato un effetto dose-risposta, con aumento del rischio di tumore all’aumentare della dose di radiazioni. In confronto a una dose inferiore a 5 mGy, l’incidenza di tumore era circa tre volte maggiore, sia per leucemia nei soggetti esposti a una dose cumulativa di almeno 30 mGy che per tumore cerebrale nei soggetti esposti a una dose di 50-74 mGy. Sebbene l’aumento di rischio vada valutato nel contesto dell’incidenza di cancro nella popolazione generale, i dati dello studio di Pearce e coll. ribadiscono l’importanza di ridurre l’esposizione a radiazioni da TC, diminuendo e ottimizzando la dose somministrata e aumentando l’appropriatezza del ricorso all’esame.

Quaderni ACP
Telescopio

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?