ACP > Editoria > Quaderni ACP > Il punto su > Cambio del medico all’età di 14 anni: quali informazioni dal pediatra di libera scelta al medico di medicina generale?
Quaderni acp - 2013; 20(3): 132-134
quaderni acp
Quaderni acp 2013_20(3)


Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Cambio del medico all’età di 14 anni: quali informazioni dal pediatra di libera scelta al medico di medicina generale?

Medico di medicina generale, Sondrio; Medico di medicina generale, Sondrio, Equip (Società europea per la qualità in Medicina generale)

Transition to adult care at 14 years of age: which information from the paediatrician to the general practitioner?
In Italy, primary care is divided into family pediatrics and general practice. The transition between the two occurs when adolescents turn 14, without an automatic sharing of health data between doctors.
Similarly to other European countries where there is no division in primary care, and where the transition between paediatric and adult care is particularly important for the management of chronic illnesses, there has been an increasing interest in this topic in Italy as well.
This paper analyses this transition by focusing on the crucial issues/points, on the health data worth sharing and on the best way to do this. A thought regarding the relation between family paediatricians and general practitioners is also proposed.
Quaderni acp 2013; 20(3): 132-134

In Italia la separazione dell’assistenza primaria in pediatria di libera scelta e medicina generale porta a un cambiamento obbligato del medico di fiducia al compimento dei 14 anni di età.
Tale transizione avviene senza un passaggio di dati in automatico tra le figure sanitarie coinvolte. Al pari di altre realtà europee dove questa separazione non esiste, e nelle quali il passaggio in cura riveste particolare importanza nel follow-up di malattie croniche in ambito specialistico, vi è stato recentemente un aumento dell’interesse per questo problema anche nel panorama italiano.
Vengono analizzati i punti critici di questo passaggio in cura, i dati sanitari che vale la pena trasmettere e in quale modo.
Viene proposta una riflessione più ampia sul rapporto tra pediatri di libera scelta e medici di medicina generale.

Il punto su
Quaderni ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?