ACP > Editoria > Quaderni ACP > CHAT o M-CHAT per l’individuazione dei bambini a rischio di autismo?
Quaderni acp - 2013; 20(5): 219-220

CHAT o M-CHAT per l’individuazione dei bambini a rischio di autismo?

Intervista di Massimo Soldateschi* a Filippo Muratori**

*Pediatra di famiglia, ACP Toscana, Gruppo “Salute Mentale” dell’ACP; **Dipartimento di Neuroscienze dell’Età Evolutiva, IRCCS Stella Maris, Università di Pisa

L’intervento precoce può modificare l’evoluzione del quadro sintomatologico del bambino affetto da autismo. Esistono a uso del pediatra due strumenti di screening per l’autismo maggiormente studiati in termini di ricerca scientifica: la CHAT e la M-CHAT (o CHAT modificata). Quali dei due strumenti offre maggiori possibilità di riconoscere una condizione di rischio di autismo senza incorrere in troppi falsi negativi e/o falsi positivi?

Quaderni ACP
Salute mentale
Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?