ACP > InformACP > Il Blog ACP > The Lancet Oncology – The carcinogenicity of outdoor air pollution
12 Nov 2013
stampa

The Lancet Oncology – The carcinogenicity of outdoor air pollution

24/10/2013 In October, 2013, 24 experts from 11 countries met at the International Agency for Research on Cancer (IARC), Lyon, France, to assess the carcinogenicity of outdoor air pollution. This assessment was the last in a series that began with specific combustion products and sources of air pollution and concluded with the complex mixture that contains all of them. The results of this most recent assessment will be published as volume 109 of the IARC Monographs.

Dana Loomis, Yann Grosse, Béatrice Lauby-Secretan, Fatiha El Ghissassi, Véronique Bouvard, Lamia Benbrahim-Tallaa, Neela Guha, Robert Baan, Heidi Mattock, Kurt Straif

The Lancet Oncology, Early Online Publication, 24 October 2013
doi:10.1016/S1470-2045(13)70487-X

Read article, Read Q & As on outdoor air pollution and cancer

Per approfondire (in italiano):
L’inquinamento atmosferico provoca ancora danni alla salute in Europa

stampa

C' é 1 commento:

  1. Laura Todesco - 12 Nov 2013 9:24 AM

    IARC: l’inquinamento dell’aria esterna una delle principali cause di morte per cancro.

    Nell’ottobre 2013 l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC- OMS) ha dichiarato l’inquinamento atmosferico una fra le più importanti cause ambientali di mortalità per cancro, l’inquinamento dell’aria esterna è stato classificato cancerogeno per l’uomo (Gruppo 1).
    Gli esperti mondiali, dopo la revisione della letteratura scientifica più recente, hanno convenuto che c’è “sufficiente evidenza” che l’esposizione all’aria esterna inquinata causa cancro del polmone (gruppo 1), hanno anche evidenziato una sua associazione positiva con il cancro della vescica.
    Il particolato atmosferico, un componente importante dell’inquinamento dell’aria esterna, è stato valutato separatamente ed è stato classificato come cancerogeno per l’uomo (Gruppo 1).
    La valutazione dello IARC ha dimostrato un aumento del rischio del tumore del polmone all’aumentare dei livelli di esposizione di particolato e di aria inquinata. Sebbene la composizione dell’aria inquinata e i livelli di esposizione possono variare drammaticamente da un luogo all’altro, le conclusioni del gruppo di lavoro si applicano a tutte le regioni del mondo.
    Un grave problema di salute ambientale
    L’inquinamento dell’aria è già noto per aumentare il rischio di una vasta gamma di malattie, come malattie respiratorie e cardiache. Gli studi indicano che negli anni recenti i livelli di esposizione sono aumentati significativamente in alcune parti del mondo, particolarmente nei paesi a rapida industrializzazione molto popolati. I dati più recenti indicano che nel 2010 nel mondo 223.000 morti per cancro del polmone sono dovute ad inquinamento dell’aria.
    Valutazioni delle Monografie IARC
    Il Volume 109 delle Monografie IARC è basato sulla revisione indipendente di più di 1000 lavori scientifici di studi effettuati nei 5 continenti. La revisione degli studi analizza la cancerogenicità dei vari inquinanti presenti nell’aria inquinata esterna, specialmente il particolato e le sostanze da questo veicolate. La valutazione è guidata dai risultati di grandi studi epidemiologici che hanno incluso milioni di persone viventi in Europa, Nord e Sud America e Asia.
    Le principali fonti di inquinamento dell’aria esterna sono: il trasporto, gli impianti per la produzione di energia, le emissioni industriali e agricole, il riscaldamento residenziale e le cucine. Alcuni inquinanti atmosferici hanno origine naturale.
    “Classificare l’inquinamento dell’aria esterna come cancerogeno per l’uomo e’ un passo importante,” sottolinea il Direttore dello IARC dr. Christopher Wild. “Ci sono modi efficaci per ridurre l’inquinamento atmosferico e, data l’entità dell’esposizione che colpisce popolazioni di paesi di tutto il mondo, questo report dovrebbe costituire un segnale forte per indirizzare la comunità internazionale ad agire senza ulteriori ritardi.