ACP > InformACP > Il Blog ACP > Firma la petizione a favore di un sistema vaccinale unico, unitario, nazionale
13 Lug 2015
stampa

Firma la petizione a favore di un sistema vaccinale unico, unitario, nazionale

Diretta al Ministro della Salute, On. Beatrice Lorenzin

La Costituzione garantisce a tutti i cittadini il diritto alla salute, eppure oggi ai bambini nati in Italia non è assicurato lo stesso accesso ai vaccini. Ogni Regione ha la sua politica vaccinale e decide quali vaccini offrire gratuitamente e quali a pagamento. In qualità di medici pediatri, genitori e cittadini chiediamo ai nostri rappresentanti politici di rimediare al pasticcio creato da un federalismo malriuscito e di restituire al Paese un servizio vaccinale unico.

Grazie ai vaccini molte gravi malattie sono state sconfitte o molto ridimensionate. Anche per questo chi nasce in Italia ha un’altissima probabilità di vivere sano come mai successo prima. Difterite, pertosse, poliomielite, epatite B, morbillo, rosolia congenita, tetano, meningite sono brutti ricordi che appartengono alle generazioni più lontane quando queste patologie condannavano migliaia di persone alla morte o a esiti invalidanti permanenti.

Questi risultati rischiano di essere messi a rischio da un progressivo calo delle coperture vaccinali dovuto a una serie di fattori tra cui è sicuramente rilevante il peso di una politica vaccinale frammentaria figlia delle riforme federaliste dell’ultimo decennio.

Per esempio, oggi Nicola, che è nato in Puglia, riceverà gratuitamente l’antimeningococco B, mentre la sua coetanea milanese Sara lo dovrà pagare (e pagare salato!), il piccolo Saro nato a Palermo avrà l’antivaricella gratis al contrario del bolognese Manuel.

Per i papà e le mamme (ma anche per i pediatri) è ingiustificabile e incomprensibile che bambini residenti in Regioni differenti abbiano differenti possibilità di salute. Questa situazione alimenta dubbi e perplessità sulla reale utilità dei vaccini, generando ipotesi fantasiose e complottiste circa “innominabili interessi economici” che si celerebbero dietro alla diffusione dei vaccini, con il rischio concreto di allontanare i genitori dalla pratica vaccinale.

Per questo chiediamo:

  • Il ripristino di un sistema vaccinale unico, unitario, nazionale.
  • Alti e uniformi livelli degli standard di qualità delle strutture dove si somministrano i vaccini: con attrezzature moderne e personale idoneamente formato, in grado di fornire rapide e accurate valutazioni epidemiologiche per stabilire sia il rischio delle malattie prevenibili sia la reale efficacia dei vaccini nel prevenirle.
  • Un sistema di sorveglianza in grado di comunicare rapidamente il peso reale delle reazioni avverse e le valutazioni di efficacia dei vari vaccini. In questo modo si potranno evitare inaccettabili speculazioni antivaccinali e sarà allo stesso tempo possibile fare appropriate valutazioni di priorità per impedire interferenze con i programmi in atto, specie quelli orientati al contrasto alle malattie diffusibili, per le quali bisogna tenere conto delle necessità di una protezione di gruppo.[FIRMA LA PETIZIONE]
stampa

Ci sono 16 commenti:

  1. Giovanna Malgaroli - 14 Lug 2015 8:48 AM

    La questione dei vaccini viene interpretata da alcune famiglie come scelta di un metodo terapeutico piuttosto che un altro e non come questione di salute pubblica, questa interpretazione viene probabilmente avvallata da una diversificazione di approccio regione per regione. Per questo motivo sottoscrivo la presente petizione.

  2. giuseppe peschiulli - 14 Lug 2015 11:51 AM

    sono con voi

  3. Giulio Colavolpe - 14 Lug 2015 12:56 PM

    Condivido in pieno.

  4. eugenio - 15 Lug 2015 7:14 AM

    Resta da capire se è più “fortunato” Nicola o Sara, Manuel o Saro. Se cioè l’offerta universale di tutti i vaccini in commercio sia da preferire a una valutazione ragionata sull’opportunità di alcune vaccinazioni (antinfluenzale, rotavirus, hpv, meningococco B), e se non siano più fortunati Hanz, Francoise, Peter che non hanno leggi che sanciscono l’obbligo vaccinale , o quei pochi bambini che possono usare i vaccini singoli o combinazioni ritirate inspiegabilmente dal commercio come l’antidif-tetano.

  5. Paola Melandri - 03 Ago 2015 5:10 PM

    il diritto alla salute dei bambini deve essere universale

  6. Patrizia Falivene - 10 Ago 2015 9:24 AM

    purtroppo nel rifiuto vaccinale molti genitori sono supportati da medici anche pediatri

  7. Maria Cristina Valsecchi - 01 Set 2015 11:50 PM

    Condivido in pieno

  8. Michele Valente - 14 Set 2015 12:00 PM

    e’ una grande questione di equità, di promozione della salute e sociale; non possiamo continuare ad avere 21 Sistemi Sanitari specie in campo vaccinale.

  9. massimo binaghi - 23 Set 2015 11:43 AM

    Un orientamento univoco contribuirebbe a dare più tranquillità ai genitori, renderebbe il tutto ancora più credibile.

  10. Andrea Delvecchio - 26 Set 2015 2:08 PM

    Condivido in toto.

  11. marco - 07 Ott 2015 4:45 PM

    chiedete 3 cose:
    1) unitarietà vaccinale
    2) mezzi e medici adeguati
    3) farmacovigilanza adeguata

    motivate la prima delle vs 3 richieste con un’argomento di carattere economico (il differente prezzo tra regioni) e date la colpa al calo della copertura ai complottisti.

    non vi sfiora l’idea che i motivi per cui un genitore decida di non iniettare a due soli mesi di età un certo cocktail di farmaci a suo figlio non siano primariamente economici.

    per motivare le ultime due richieste ( maggiori e più adeguati mezzi e medici e farmacovigilanza) che, tra l’altro, non sono affatto responsabilità del sistema sanitario solo regionale magicamente non c’è nessuna autocritica al SSN.

    per coerenza e correttezza verso quegli stessi genitori che voi considerate come persone senza cervello che si fanno guidare solo dal portafoglio nel loro sentirsi disorientati vorrei farvi notare che questa lettera, se davvero rispecchia il vostro sentimento, rafforza i dubbi sul vaccinare o meno in tenerà età perchè voi stessi fate capire che non siete affatto soddisfatti del modo in cui la pratica vaccinale è applicata e monitorata.

    personalmente non mi disorienta il prezzo di un farmaco ma primariamente la sua efficacia, poi anche la sua adeguatezza e corretta applicazione e i suoi effetti collaterali

    quando vogliamo iniziare a parlarne in modo serio di questi problemi senza nascoderli addossando la responsabilità di certe incongruenze e problematiche sempre agli altri, oggi ci sono i complottisti e domani ?

    buona riflessione

  12. rosario cavallo - 10 Ott 2015 9:23 AM

    Caro Marco,
    la invito a leggere con maggiore attenzione quanto abbiamo scritto, e sopratutto la invito a farlo senza pregiudizi.
    Potrà così verificare che la motivazione per cui chiediamo un ritorno a una gestione unitaria non è assolutamente di natura economica; quello che sottolineamo è che la frammentazione del sistema è un controsenso dal punto di vista epidemiologico-organizzativo e genera perdita di credibilità. Mi sembra poi evidente che gli altri due punti rappresentino proprio momenti di autocritica che nessuno si sogna di far scomparire; si tratta invece di proposte migliorative concrete del nostro SSN, che mirano SOLO AL BENESSERE E ALLA PROTEZIONE DEI BAMBINI.
    Non trova nessun riferimento esplicito o implicito a genitori senza cervello: cerchiamo di essere di aiuto ai tanti genitori che hanno convinzioni meno graniticamente certe rispetto alle sue.
    Ci sembra un modo molto serio di parlarne, ponendoci dinanzi ai problemi reali e proponendo soluzioni senza steccati ideologici che noi cerchiamo di non avere.
    rosario cavallo

  13. Concetta Vitale - 06 Gen 2016 7:27 PM

    Richiedo la attuazione di un Sistema vaccinale unico su tutto il territorio nazionale

  14. Roberto Miniero - 07 Gen 2016 2:08 PM

    riprendo quanto detto da un collega in precedenza: e’ una grande questione di equità, di promozione della salute e sociale; non possiamo continuare ad avere 21 Sistemi Sanitari specie in campo vaccinale…. ed,aggiungo, non solo

  15. MIRIAM PRODI - 28 Gen 2016 10:47 AM

    condivido in pieno

  16. nicola antonio Romeo - 30 Giu 2016 12:08 PM

    Coerentemente con gli obiettivi dichiarati di:

    – promozione della salute in tutte le epoche della vita
    – riduzione delle disuguaglianze

    condivido e sostengo questa petizione