ACP > InformACP > Il Blog ACP > Da La Stampa del 26/04/2014 – Lettere su Stamina
06 Mag 2014
stampa

Da La Stampa del 26/04/2014 – Lettere su Stamina

lastampa

 

[LaStampa.it]

Stamina/1  Il danno alla ricerca seria

Complimenti, innanzitutto, per come avete seguito il vergognoso episodio di Stamina, nella sventurata storia di questo paese. Concordo completamente con la lettera della professoressa Cattaneo (La Stampadel 24/4). E bene anche il ministro Lorenzin, su cui avevo qualche pregiudizio. Comincio a essere vecchio, sono un povero ospedaliero di un’IRCCS lombardo, mi occupo prevalentemente di distrofie legate alla visione e di sviluppo della visione stessa. Ho un certo numero di pubblicazioni internazionali di buon livello (quelle cosiddette «impattate»), l’ultima è di questo mese. So quindi quanto costa, come tempo, rinunce, eccetera, impostare una ricerca credibile.
Non ci sono più parole e limiti al peggio: un personaggio, neanche medico, senza competenze certificate di nessun tipo, che riesce a combinare questo disastro, in termini soprattutto di sofferenza aggiunta a persone già deboli. Non è stato sottolineato abbastanza, a mio parere, il danno provocato dalla vicenda Stamina alla ricerca seria e faticosa di questo paese, ma non solo. Posso dire, a livello personale, che negli ultimi tempi vengono lesinati, e sottoposti ad analisi occhiute, anche i materiali di consumo per eseguire gli esami di routine. Alcuni anni fa, per avere un pezzo di apparecchiatura del costo di poche migliaia di euro, ho dovuto camminare per mesi da un centro di costo all’altro, contandosi alla fine circa 20 pareri per ottenere un esito positivo. Come è stato possibile per questo individuo ottenere fondi, entrare in ospedali cosiddetti di «eccellenza»? Gli Spedali Riuniti, per non parlare del Burlo Garofalo. Qui non c’è qualcosa che non funziona, non funziona nulla!
Sono così vecchio che ho avuto modo, avendo fatto uno stage in un importante ospedale francese nel ’98, di subire i sorrisetti ironici dei colleghi francesi sulla terapia Di Bella. Nel momento in cui, fra l’altro, suNature , usciva un editoriale di fuoco su questo argomento. Allora come adesso. Ma non impariamo mai niente? E questi giudici che impongono cure assurde, non pagheranno mai per gli sfasci di cui sono stati complici? Ma che titolo hanno per decidere le terapie? E veramente questa persona, indagata, può candidarsi alle elezioni europee portando altro danno al paese? In ogni caso, avete acquistato un nuovo lettore.

Giulio Ruberto 

Stamina/2 Grazie senatrice Cattaneo

Gentilissima Senatrice Cattaneo, dopo aver letto l’ultima sua lettera mi permetto di dirle grazie. Grazie per la sua cristallina posizione su questa piratesca vicenda, grazie per avere il coraggio e la competenza di esprimere giudizi che troppi ritenevano poco «giornalistici». Viviamo in un mondo al contrario. Mentre il morbillo uccide milioni di bambini, noi che facciamo vaccinare i nostri figli siamo diventati servi di big pharma, creduloni 2.0. Ho la fortuna di avere due gemelli; hanno quasi 6 anni e quando ne hanno avuto bisogno sono stati curati su consiglio del pediatra. Non di internet. Stanno bene. Grazie alla competenza e alla dedizione di persone come lei. Prima la realtà, poi basta.

Giorgio Massano

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?