ACP > Editoria > Quaderni ACP > Editoriale > I pediatri italiani decidano se vogliono proteggere l’allattamento
Quaderni acp - 2014; 21(3): 99

I pediatri italiani decidano se vogliono proteggere l’allattamento

(a nome del Gruppo Nutrizione dell’ACP) Pediatra di famiglia, Messina

Editoriale
Quaderni ACP
Bimestrale di informazione politico culturale e ausili didattici dell'Associazione Culturale Pediatri

Open access
La rivista aderisce agli obiettivi di diffusione gratuita online della letteratura medica

Indicizzata in SciVerse Scopus e in Google Scholar

Quaderni acp
ISSN: 2039-1382

Pubblicazione iscritta nel registro Nazionale della Stampa n° 8949 ® ACP

Se non hai trovato quello che volevi effettua una ricerca.


Tutto il sito    Quaderni ACP Newsletter Pediatrica PUMP
  

stampa

Ci sono 2 commenti:

  1. Igino Giani - 25 Giu 2014 1:45 AM

    Penso anche io che proprio i Pediatri debbano finalmente dire da che parte stanno! Tutti, non alcuni.
    Hanno giustamente il diritto di essere i primi custodi della salute dei bambini. Hanno il conseguente dovere di proteggere nei fatti l’allattamento al seno.
    Molti sono gli strumenti che possono aiutarli, ma il primo rimane l’etica professionale.

  2. Giuseppe Ferraiolo - 25 Giu 2014 3:51 PM

    Non credo che i Pediatri italiani abbiano molti esempi come ACP. Se così fosse i vari convegni, congressi ecc. sarebbero meno frequentati.
    Fare l'”avvocato difensore del bambino” con azioni incentivate da interessi di parte,non è possibile. Promuovere e sostenere l’allattamento al seno è una questione etica e culturale prioritaria per gli operatori sanitari, Pediatri in primis e dai costi molto contenuti. Ben vengano, poi finalmente, gli interventi legislativi, che saranno inapplicabili e quindi inutili, se i Pediatri e gli altri Operatori sanitari non faranno muro contro pratiche non esattamente fisiologiche.