ACP > InformACP > Il Blog ACP > Specializzandi. Sigm: “Approvato alla Camera un odg su Scuola di specializzazione in medicina generale”
21 Ago 2014
stampa

Specializzandi. Sigm: “Approvato alla Camera un odg su Scuola di specializzazione in medicina generale”

Durante i lavori di conversione del decreto sulla Pa, la Camera dei deputati ha approvato un ordine del giorno che impegna il governo a prendere in esame la proposta di realizzare una Scuola di specializzazione in medicina generale e cure primarie. Soddisfatti i giovani medici. 

07 AGO [QuotidianoSanità.it] – Succede in quasi tutti i paesi d’Europa e adesso l’obiettivo di realizzare anche in Italia una Scuola di specializzazione in medicina generale sembra più facile da raggiungere. Ad accorciare le distanze l’approvazione nell’aula di Montecitorio di un ordine del giorno destinato al governo che dovrà necessariamente prendere in considerazione il progetto formativo. Il testo del documento è stato firmato da Filippo Crimì, Donata Lenzi e Federico Gelli del Partito democratico.
“Attraverso la frequenza della Scuola di specializzazione in medicina generale e cure primarie – spiegano dalla Presidenza del Sigm – i medici acquisiranno le ormai indispensabili competenze cliniche di medicina generale, di governo clinico dei percorsi di cura alla persona, integrati e continui e caratterizzati dal lavoro in team multiprofessionale, nonchè di gestione di servizi ed unità operative di cure primarie e di distretto”.
Attualmente per aprire uno studio con i propri assistiti i medici abilitati devono conseguire il diploma in medicina generale e l’accesso al corso di formazione specifica è riservato a pochi di loro. Il concorso viene bandito dal ministero della Salute e rimandato agli assessorati regionali alla Sanità.
“Esprimiamo soddisfazione per tale iniziativa – si legge ancora nella nota del Sigm – che dà forza a una delle proposte qualificanti dell’Associazione italiana giovani medici e ringraziamo i parlamentari firmatati dell’ordine del giorno”.
07 agosto 2014
© Riproduzione riservata

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?