ACP > InformACP > Il Blog ACP > Smettere di fumare con il mobile. Una app della UE per i giovani
04 Mag 2015
stampa

Smettere di fumare con il mobile. Una app della UE per i giovani

Aiutare i giovani a smettere di fumare è l’obiettivo della campagna ‘Gli ex fumatori sono inarrestabili’ lanciata dall’Unione Europea e arrivata quest’anno alla sua quinta edizione. Uno degli strumenti è iCoach, una piattaforma digitale gratuita, disponibile sia come strumento online che come app: grazie ad essa tra gli utenti iscritti un fumatore su tre ha abbandonato l’abitudine al fumo

24 APR [QuotidianoSanità.it] – Anche quest’anno è partita la campagna ‘Gli ex fumatori sono inarrestabili’ (Ex smokers are unstoppable’), lanciata dall’Unione Europea per la prima volta nel 2011 e arrivata alla sua quinta edizione. Questa campagna ha l’obiettivo di aiutare i giovani fumatori (di età compresa tra i 24 e i 35 anni) a smettere di fumare. I risultati si sono già visti: dei 431 mila utenti registrati all’edizione precedente, circa uno su tre ha smesso di fumare dopo tre mesi grazie ad iCoach, una piattaforma digitale gratuita e accessibile a tutti, sia online che attraverso una applicazione mobile (app) per alcuni dispositivi. La app, disponibile nelle 23 lingue dei 28 paesi membri UE, aiuta l’utente ad abbandonare l’abitudine al fumo attraverso alcuni step.
In Italia, degli oltre 12milioni di fumatori (25,3% uomini e 19% donne), più di 26 mila si sono registrati su iCoach, dal lancio della campagna nel 2011 fino al 31 dicembre 2014, e circa il 33% di loro ha smesso di fumare dopo tre mesi.
Quest’anno sono previsti una serie di miglioramenti di i-Coach, con nuove funzioni e con l’implementazione di quelle preesistenti. In tal modo, in previsione del World No Tobacco Day (WNTD), che ricorre il 31 maggio prossimo, gli utenti vengono invitati a intraprendere una sfida personale verso uno stile di vita più sano senza fumo. “Ogni anno nell’Unione Europea muoiono quasi 700.000 persone per malattie  fumo-correlate. Paradossalmente il numero dei decessi a causa del fumo supera quelli riconducibili a incidenti stradali, criminalità e abuso di droga”, ha dichiarato Vytenis Andriukaitis, Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare. “È per questo motivo che mi impegno quotidianamente a promuovere le iniziative dell’Unione Europea per ridurre i casi di malattie generate dal fumo attraverso la legislazione, la campagna di sensibilizzazione ‘Gli ex fumatori sono inarrestabili’, con la cooperazione fra gli Stati membri dell’Unione Europea, la società civile e altri partner internazionali”.

Ecco come funziona l’i-Coach
L’i-Coach tiene divide i fumatori secondo cinque fasi differenti (http://www.exsmokers.eu/uk-en/index.html)

1 Non ho pianificato di smettere di fumare
2 Dovrei smettere ma sono ancora incerto
3 Smetterò di fumare a breve
4 Ho appena smesso
5 Ho smesso da un po’ di tempo

Sulla base di queste fasi, l’iCoach sviluppa un programma in cinque step. In alcuni casi questi percorsi sono personalizzati: ad esempio per i fumatori della fase 2, l’app tiene il conto di quante sigarette vengono fumate al giorno affinché il fumatore  non sottovaluti la proprie abitudini.
Inoltre, per i fumatori della fase 3, iCoach chiede di rimandare la sigaretta più desiderata della giornata per 10 volte di 10 minuti e successivamente di 20 minuti, mentre i fumatori della fase 4 dovranno lasciare il pacchetto di sigarette a casa prima uscire per una breve commissione.
“Per ottimizzare i tassi di conversione dei fumatori in non fumatori, abbiamo effettuato ricerche sui differenti modelli di cambiamento del comportamento umano: da ciò abbiamo dedotto che è necessario scomporre il percorso  verso uno stile di vita senza fumo in tanti piccoli passi con obiettivi intermedi e facilmente raggiungibili. Focalizzarsi immediatamente sull’obiettivo finale, può essere un ostacolo insormontabile per coloro che stanno solo iniziando ad avere l’idea di smettere di fumare.” spiega Steven De Peuter di BrandNewHealth, partner della campagna che ha sviluppato la piattaforma iCoach.
“Infatti, il 3% degli utenti attualmente registrati non hanno ancora preso in considerazione l’idea di smettere di fumare, e sono i più difficili da raggiungere, ma rimangono comunque l’obiettivo chiave della campagna. Siamo molto fiduciosi che le nuove sfide li aiuteranno a passare alla fase successiva”.
Sulla pagina web della campagna si legge che questa piattaforma è adatta alle proprie “necessità, tempi e obiettivi” e che è per tutti, anche per i fumatori che non sono ancora pronti a smettere.
iCoach premierà gli obiettivi raggiunti dagli utenti con messaggi di incoraggiamento. Inoltre, insieme agli aggiornamenti “in tempo reale” sul numero di utenti registrati, al totale di sfide completate e alle possibilità di passare alla fase successiva, questi messaggi dovrebbero contribuire far sentire gli utenti di iCoach parte integrante di una comunità.  Gli utenti saranno inoltre invitati a condividere le loro sfide e successi personali sui social media.

24 aprile 2015 © Riproduzione riservata

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?