ACP > InformACP > Il Blog ACP > Congedo parentale a ore, le modalità di fruizione
24 Set 2015
stampa

Congedo parentale a ore, le modalità di fruizione

Sembra che anche in questo ambito ci si stia muovendo finalmente nella direzione giusta: maggiore flessibilità, con la possibilità di fruizione a ore e implementazione telematica. Sarebbe interessante valutare nel tempo come vanno le cose.

21 ago. [LaStampa.it] L’Inps è intervenuto sulle modalità di fruizione e di conteggio dei congedi parentali ad ore previsti dal D.Lgs 80/2015 in attuazione della delega impartita dal Jobs Act. Dal 19 agosto è possibile effettuare le domande di congedo parentale ad ore: è quanto prevede l’istituto con la circolare 152/2015.
Il congedo su base oraria, in aggiunta a quelli su base giornaliera o mensile, era già stato previsto dalla legge di stabilità 2013 (la 228/2012), la stessa legge rimandava alla contrattazione collettiva per le modalità di fruizione e di richiesta, con il decreto legislativo 80/2015 è stato stabilito che il congedo a ore può essere fruito anche in mancanza di intese da parte delle organizzazioni firmatarie. La norma, però, stabilisce che in tal caso la fruizione su base oraria è consentita in misura pari alla metà dell’orario medio giornaliero. L’istituto, oltre a fornire le modalità pratiche di domanda e di esposizione nel flusso Uniemens, chiarisce che il congedo parentale ad ore non può essere fruito nei medesimi giorni in cui il genitore fruisce di riposi giornalieri per allattamento ex artt. 39 e 40 del T.U. maternità/paternità oppure nei giorni in cui il genitore fruisce dei riposi orari per assistenza ai figli disabili.

Fonte: Lavoropiù Giuffré – http://lavoropiu.info/articoli/news/congedo-parentale-ore-le-modalit-di-fruizione

Leggi anche:
Domanda di congedo parentale: nuova procedura telematica

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?