ACP > InformACP > Il Blog ACP > La Fnomceo chiama a raccolta medici e cittadini il 28 novembre: «Tutti a Roma per il nostro Ssn»
04 Nov 2015
stampa

La Fnomceo chiama a raccolta medici e cittadini il 28 novembre: «Tutti a Roma per il nostro Ssn»

La sanità non è un costo ma un investimento: un paese più sano è un paese più ricco e nelle condizioni di creare maggiore ricchezza.

23 ott. 2015 [Sole24OreSanità] Una grande manifestazione nazionale a Roma, sabato 28 novembre alle ore 14, medici e cittadini insieme, per ribadire i no e i sì a sostegno del Servizio sanitario nazionale: è questo il nuovo impegno della Fnomceo e dei sindacati medici e odontoiatrici, assunto a pochi giorni dalla conclusione degli Stati Generali della Professione Medica e Odontoiatrica.
Gli Stati Generali del 21 ottobre hanno registrato una compatta partecipazione e un lusinghiero successo, rafforzando in tutte le componenti l’orgoglio di appartenenza a una professione secolare, gloriosa, dalla grande connotazione sociale a fianco delle persone malate e sane.
La battaglia contro l’imperante tecnocrazia ed il pervasivo ed ottuso potere burocratico centrale e regionale è appena iniziata. L’impegno ora continua con una grande manifestazione nazionale a Roma, nel pomeriggio di sabato 28 novembre, per ribadire i nostri no e i nostri sì a sostegno del Ssn.
E al nostro fianco invitiamo tutti i cittadini attraverso le associazioni di volontariato e di difesa dei diritti per far sentire chiaro, alto e forte il no deciso ad ogni forma di sottofinanziamento del Ssn che porta inevitabilmente al razionamento delle risorse utili a rispondere ai bisogni di salute delle persone.
La sanità non è un costo ma un investimento: un paese più sano è un paese più ricco e nelle condizioni di creare maggiore ricchezza.
I soldi che vengono tagliati alla sanità vanno a coprire le esigenze clientelari di una politica affaristica e di sacche di corruzione e malaffare che ogni giorno evidenziano la loro faccia peggiore e la loro pervasività.
Rifiutiamo la svalorizzazione del nostro ruolo professionale, che mortifica il nostro impegno quotidiano; denunciamo l’imbarbarimento delle condizioni di lavoro che toglie serenità alla relazione di cura nella tutela del diritto alla salute di ogni cittadino.
I cittadini devono sapere che, mentre il governo taglia le tasse sulla casa, lesina risorse per curarli e riduce l’operatività e l’efficienza delle strutture sanitarie.
Chiediamo al ministro della Salute un intervento forte e deciso che, al di là delle enunciazioni generiche, porti in primo piano, ai massimi livelli decisionali delle Istituzioni, la questione salute del nostro paese.
La salute è un bene fondamentale primario che va difeso e valorizzato: mai, e per nessuna ragione, può essere oggetto di scambio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?