ACP > News > L’ITALIA INVESTE POCO SULLA SCUOLA SECONDARIA
30 Giu 2016
stampa

L’ITALIA INVESTE POCO SULLA SCUOLA SECONDARIA

Spesa per la scuola secondaria di 1° grado nei Paesi dell’Unione Europea in percentuale rispetto al PIL
Tutte le principali fonti internazionali documentano come nel recente passato l’Italia abbia investito poco e male sulla scuola pubblica, l’istituzione che più di ogni altra contribuisce al progresso del paese. Le mappe mostrano lo svantaggio della spesa italiana per la scuola secondaria di primo grado, in percentuale al PIL. Nel 2012 l’Italia spendeva un quarto in meno della media dei paesi europei (UE28) per la scuola media. L’investimento per assicurare l’istruzione ai 4 milioni e mezzo di alunni delle scuole primaria e secondaria era nel 2012 di quasi 27 miliardi di euro, un terzo dell’evasione fiscale stimata dal Ministero del Tesoro e un quinto del costo stimato della corruzione.
(Anno: 2012. Fonte: EUROSTAT)

La mappa è interattiva, fai click sulle regioni per vedere i dati.