ACP > InformACP > Il Blog ACP > Lorenzin, via piano ‘Estate sicura’ contro alcol a giovani
07 Set 2016
stampa

Lorenzin, via piano ‘Estate sicura’ contro alcol a giovani

L’operazione Estate Sicura prevede un giro di vite su locali, bar e discoteche per prevenire la vendita di alcolici ai minorenni. E’ un’ottima iniziativa, ma non dobbiamo fermarci all’estate, l’uso di alcol nei giovani è un grave problema durante tutto l’arco dell’anno.

Controlli a tappeto Nas in locali e discoteche; ‘fenomeno grave’

3 ago. [ANSA.it] ROMA – Parte al campagna ‘Estate sicura 2016’ che prevede un rafforzamento dei controlli nei centri per anziani e nelle strutture assistenziali, ma anche un giro di vite su locali, bar e discoteche per prevenire la vendita di alcolici ai minorenni. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, presentando oggi il programma di interventi estivi sul territorio per la sicurezza sanitaria dei cittadini.
Ci sarà dunque un rafforzamento dei controlli dei Carabinieri dei Nas sui luoghi di ritrovo giovanili al fine di contrastare il fenomeno del ‘binge drinking’, ovvero del bere eccessivo e a rischio, con particolare riguardo al rispetto del codice della strada con l’obiettivo di fare rispettare il divieto di somministrazione di alcol ai minori.
Si prevedono, ha detto Lorenzin, “controlli stringenti su tutte le strutture che somministrano alcol, ma il nostro obiettivo è anche sostenere le famiglie rispetto ad un fenomeno che non va sottovalutato, considerando l’aumento dei casi di coma etilico e di incidenti stradali a seguito di consumo di alcol anche tra i più giovani”.
Purtroppo, ha sottolineato Lorenzin, “abbiamo dati sull’abuso di superalcolici anche tra bambini di 12 anni e casi di coma etilici tra i giovanissimi; questo è un fenomeno che ci preoccupa molto. Ma il nostro obiettivo non è solo di tipo repressivo ma, soprattutto, di prevenzione”. Bisogna cioè, ha proseguito il ministro, “far capire ai giovani che il consumo di alcol fa male e mette a rischio la vita”.
Anche le famiglie, ha concluso, “vanno affiancate nel contrasto del fenomeno di abuso di alcol tra i giovani, perché si tratta di un fenomeno nuovo sorto in questi ultimi anni e che prende sempre più piede anche attraverso, ad esempio, la moda dei così detti ‘happy hour’, con consumo di superalcolici a tutte le età”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?