ACP > InformACP > Il Blog ACP > Al via il primo studio di Sanità pubblica per “fotografare” lo stato di salute della popolazione transgender in Italia
15 Giu 2018
stampa

Al via il primo studio di Sanità pubblica per “fotografare” lo stato di salute della popolazione transgender in Italia

Parte il primo studio di Sanità Pubblica volta a contrastare il Pregiudizio e a migliorare l’alleanza coi medici di famiglia rispetto una problematica che è ancora soggetta a disuguaglianze nell’accesso alle cure. “Il nostro impegno a favore della tutela dello stato di salute delle persone transgender nasce nell’ambito del contrasto alle disuguaglianze sanitarie in linea con il WHO, l’Unione Europea e l’ONU che hanno inserito tra gli obiettivi prioritari la promozione di azioni efficaci in questa direzione – afferma Walter Malorniricercatore del Centro di riferimento di Medicina di Genere dell’ISS. Di certo è possibile registrare un costante aumento del numero delle persone che accede ai centri per la riassegnazione di genere, il che rende ancora più urgente la necessità di valutarne i bisogni clinici e assistenziali”.

 

5 giu. [Ufficio stampa ISS]

Malorni“L’impegno dell’ISS nella definizione dei bisogni sanitari delle persone transgender, è promosso nell’ottica del contrasto alle diseguaglianze in salute in linea con il WHO” 

Pierdominici“La collaborazione con le Associazioni transgender ci aiuterà a comprendere meglio questa realtà dal punto di vista medico e sanitario”

MarcascianoLa salute delle persone trans è legata all’accesso ai servizi sanitari, passa attraverso il contrasto del pregiudizio e un’alleanza con i medici di base, la collaborazione con l’ISS è uno strumento importante per raggiungere questo obiettivo”                                                                                                     

Un’indagine sullo stato di salute della popolazione transgender volta a individuarne gli specifici bisogni sanitari, indirizzare verso percorsi di assistenza adeguati, e a cercare di definire meglio le dimensioni di questa fascia di popolazione, è l’obiettivo della collaborazione tra il Centro di riferimento di Medicina di Genere dell’Istituto Superiore di Sanità e le Associazioni Transgender presenti sul territorio che viene illustrato oggi nel Convegno: Identità di Genere e Salute nella Sala Pocchiari dell’Istituto Superiore di Sanità.

[Leggi tutto]

 

 

stampa

Nessun commento, vuoi essere il primo?